Carrara 5 Stelle

http://www.carrara5stelle.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/680671assessori.pnglink
http://www.carrara5stelle.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/654776rdl.pnglink
http://www.carrara5stelle.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/683322sitowebdepa.pnglink
http://www.carrara5stelle.it/components/com_gk3_photoslide/thumbs_big/980951paypaldep.pnglink
Meetup Carrara

Meetup Carrara

Marmo, De Pasquale: «Dal Pd incapacità amministrativa a vantaggio dei soliti noti»

Il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle risponde punto su punto alle intenzioni di Zanetti sul regolamento degli agri marmiferi

 

Carrara, 28/04/2017

 

«Il forse-candidato sindaco del Pd mente sapendo di mentire o, forse, vive lontano dal “suo” partito». Inizia così la replica ad Andrea Zanetti del candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Francesco De Pasquale, sul regolamento degli agri marmiferi. «Accusare il M5S di ambiguità sulla coerenza con la legge regionale — dice De Pasquale — è pura strumentalizzazione da parte di una forza politica che si definisce democratica e orientata alla partecipazione ma poi nei fatti è l’esatto contrario».

 

«Invitare alla partecipazione sindacati, aziende e organizzazioni ambientaliste e lasciar loro tre o quattro giorni per esaminare e dare un parere su una bozza di regolamento — prosegue il candidato pentastellato — dopo aver avuto oltre quattro anni per proporlo, significa ridurre il nuovo regolamento da “carta costituzionale” per la città a pura incombenza amministrativa di quarto livello».

 

Per quanto riguarda, invece, il coninvolgimento dei parlamentari del M5S, secondo De Pasquale, si tratta di una questione che «non può risolversi in un batter di ciglia come forse frettolosamente — aggiunge sarcasticamente — sarebbero in grado di fare i parlamentari del Pd o i loro omologhi in Regione, salvo poi partorire obbrobri come la legge regionale 35/2015 che noi abbiamo subito criticato. E ricordiamo che gli unici interventi parlamentari sui beni estimati sono stati fatti dal M5S con la senatrice Laura Bottici che già nel 2013 portò la questione all’attenzione del governo a guida Pd».

 

«Affermare poi — continua — che la bozza presentata "non legittima affatto alcuna forma di proprietà privata" delle cave è puro esercizio di retorica che ormai non incanta più, soprattutto dopo la sonora bocciatura di tutte le amministrazioni che si sono succedute sullo scranno di piazza 2 giugno. Quelle "plurisecolari inefficienze della pubblica amministrazione" dovrebbero far riflettere i cittadini di Carrara, che capirebbero così come mai siamo tra i comuni più indebitati pro-capite, pur possedendo una ricchezza che si può dir nessuno abbia in Italia».

 

«Ci chiediamo poi il senso di un osservatorio del marmo e di una verifica sulla filiera quando poi si stabilisce un "valore medio di produzione" cava per cava, come dire: “affermo un principio e poi faccio esattamente l'opposto”».Relativamente alla temporaneità delle concessioni, invece, De Pasquale si chiede come mai «lo stesso Pd affermò che non si potevano mettere a gara le cave per mancanza di una normativa, quando in realtà sono state rilasciate 6 concessioni»

 

«Non voler portare in campagna elettorale l'argomento sugli agri marmiferi — conclude il candidato del Movimento 5 Stelle — significa rifiutare la discussione democratica per tenere sotto il tappeto la polvere della propria inefficienza o incapacità amministrativa o addirittura la distorsione della stessa a vantaggio dei soliti noti. Apprezziamo infine che Zanetti non ci abbia accusato di voler chiudere le cave, cosa che continuano a diffondere i suoi sodali. Cogliamo l’occasione per ribadire che consideriamo le cave una risorsa che dovrà generare benessere per la collettività carrarese».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

De Pasquale in visita alla scuola “Chiesa”: «Situazione disastrosa»

Il candidato sindaco del M5S: «L’amministrazione comnale non ha garantito i necessari interventi di manutenzione agli istituti del territorio»

 

Carrara, 26/04/2017

 

«Alcuni giorni fa — fa sapere il candidato sindaco Francesco De Pasquale — i genitori della scuola elementare "Eugenio Chiesa" di Avenza,  per mezzo di un articolo su un giornale locale, avevano invitato tutti i candidati sindaco in corsa per le prossime elezioni amministrative a visitare il loro istituto. Abbiamo accolto di buon grado l’invito, e abbiamo avuto un’ulteriore occasione per toccare con mano la disastrosa situazione delle nostre scuole».

 

De Pasquale, accompagnato dal consigliere regionale Giacomo Giannarelli e da alcuni candidati consiglieri comunali del M5S, ha incontrato i rappresentanti dei genitori e la dirigente scolastica della scuola, la professoressa Marta Castagna, per ascoltare e raccogliere le loro richieste. L'elenco delle innumerevoli criticità è stato dettagliato in una animata  discussione dai toni, spesso, molto accesi, segno del disagio vissuto da genitori e alunni. Sono stati numerosi i problemi segnalati, da quelli di tipo strutturale (infiltrazioni d'acqua nei soffitti all'elementare,  distacco di intonaci nell'atrio delle medie, impianti elettrici non a norma, mancanza di certificazione sismica degli edifici) a quelli legati all'organizzazione scolastica.

 

«Inoltre — prosegue il candidato sindaco pentastellato — ci sono stati segnalati i disagi legati alla mancanza della palestra, con i bambini obbligati a far ginnastica nell’ingresso dell’edificio sul pavimento di marmo, il dissesto della strada di accesso alla scuola, piena di buche e priva di marciapiede, e la mancanza della mensa».

 

Manca infatti nel plesso dell'”Eugenio Chiesa” lo spazio per una mensa scolastica ad uso delle classi del tempo pieno, e i bimbi devono spostarsi per recarsi alla mensa della Leopardi, un locale molto rumoroso, non insonorizzato, inadeguato al numero degli alunni, con un servizio mensa, dicono i genitori,  appena accettabile.

 

«La soluzione dei problemi strutturali — conclude De Pasquale —  è di competenza del Comune, che negli ultimi anni non ha provveduto né alla manutenzione ordinaria degli edifici scolastici, né a quella straordinaria, mancanze che stanno portando all'inesorabile degrado delle strutture in tutte le scuole del territorio, non solo l'”Eugenio Chiesa”. Per quanto attiene invece i disagi organizzativi, abbiamo preso atto delle difficoltà lamentate dalla dirigente scolastica nel cercare di garantire, con le scarse risorse a disposizione, un servizio adeguato alle esigenze dell’utenza».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Il “Dibba” ad Avenza per il “Depa”

Mercoledì 26 Aprile 2017 12:27 Pubblicato in Comunicati stampa

Il “Dibba” ad Avenza per il “Depa” - Bagno di folla in piazza Finelli

M5S, Alessandro Di Battista a Carrara per sostenere la candidatura a sindaco di Francesco De Pasquale. «Non vi chiedo il voto, vi chiedo coscienza»

 

Carrara, 24/04/2017

 

«Si sono divisi per giocare alla scenetta del poliziotto buono/poliziotto cattivo. State attenti». Ha usato queste parole Alessandro Di Battista, deputato del Movimento 5 Stelle, riferendosi alle divisioni della maggioranza locale che si presenterà con tre candidati a sindaco il prossimo 11 giugno. Bagno di folla per il deputato pentastellato arrivato ad Avenza per sostenere la candidatura a sindaco di Francesco De Pasquale.

Il “Dibba” ha sottolineato che a Carrara, come in altre realtà italiane, vige la logica del voto di scambio, definito «un cancro che il reddito di cittadinanza spazzerà via». «Non vi chiedo il voto, vi chiedo coscienza — ha proseguito nel suo intervento Di Battista — Non possiamo continuare a lamentarci al bar e poi votare sempre dalla stessa parte, date una mano a questa lista di persone come voi». Ventiquattro cittadini candidati al Consiglio comunale, quelli del Movimento 5 Stelle di Carrara, che al termine dell’evento sono saliti sul palco stringendosi attorno a De Pasquale.

Il “Depa” nel suo intervento ha elencato cosa non va di Carrara e quello che si dovrà fare per evitare il tracollo per la città. «Erediteremo una città in totale degrado: un debito di 177 milioni di euro, un territorio dissestato dal punto di vista idrogeologico che parte dalle cave con i suoi cumuli di terre, palazzi che crollano dal Politeama all’ex-biblioteca alle scuole, solo per elencarne alcuni. Due cose però erediteremo che la maggioranza non ha fatto in tempo a modificare — ha spiegato il candidato sindaco pentastellato —: il Poc (il regolamento urbanistico) e il regolamento degli agri marmiferi che potremo concludere e definire noi, sempre nell’ottica della legalità».

Ad aprire l’evento con Di Battista, il consigliere regionale, avenzino doc, Giacomo Giannarelli che ha ripercorso la storia del Movimento locale: «Un’avventura iniziata proprio undici anni fa qui ad Avenza e in questi anni abbiamo ottenuto nel 2012 tre consiglieri comunali, nel 2013 due senatrici e nel 2015 un consigliere regionale, candidato a presidente della Regione. Ci lasciano una città in macerie — ha proseguito il portavoce — I candidati a sindaco della maggioranza utilizzano frasi come “Mi fido di te” o “Cambiamo adesso”. No, non mi fido più di te! “Cambiamo adesso” dopo più di sessant’anni che avete avuto in mano la città? State a casa! L’11 giugno cambiamo voto. Coraggio Carrara, ce la possiamo fare».

Presente a sostegno di De Pasquale anche l’europarlamentare Fabio Massimo Castaldo che ha messo in evidenza il buon governo del M5S a livello locale, citando i casi di Pomezia che ha risanato il suo bilancio comunale e di Mira con l’introduzione del bilancio partecipato, una proposta presentata anche a Carrara. «L’11 giugno Carrara ha una grande chance — ha detto l’eurodeputato — quella di dare ai suoi cittadini un’amministrazione a Cinque Stelle».

«Sono orgogliosa di dire “sono di Carrara”» ha esordito, invece, la senatrice Laura Bottici che ha sottolineato il «grande lavoro dei nostri tre consiglieri comunali», puntando poi il dito contro il clientelismo e i tre candidati della maggioranza: «Vannucci, Zanetti, Spediacci: la solita combriccola di Zubbani. Carrara deve tornare a essere la capitale del marmo e dell’onestà».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Regolamento cave, De Pasquale: «Ennesimo colpo di mano del Pd ai danni della città»

«Già nel 2012 portammo in Consiglio delle proposte per assicurare la piena legalità amministrativa. E oggi la maggioranza si china di fronte ai suoi influenti sostenitori locali»

 

Carrara, 20/04/2017

 

«È l’ennesimo colpo di mano perpetrato dai partiti di maggioranza in Consiglio comunale ai danni della città». Duro attacco del Movimento 5 Stelle di Carrara a Pd e Psi che si apprestano a portare nell’assemblea cittadina il nuovo regolamento sulle cave.

«Il Pd e il Psi, o meglio ciò che ne rimane — dice il candidato sindaco Francesco De Pasquale — intenderebbero portare in Consiglio un nuovo regolamento negli ultimissimi giorni di consiliatura, come se la maggioranza non avesse avuto i precedenti quattro anni e mezzo per farlo, impedendo di fatto la partecipazione alla discussione di tutte le forze politiche, delle organizzazioni ambientaliste, dei sindacati, delle imprese e della collettività in generale».

Il Movimento 5 Stelle ricorda che già nel 2012 portò in Consiglio una mozione con cui si chiedevano le modifiche necessarie «ad assicurare la piena legalità amministrativa. La spinta a questa accelerazione — proseguono i pentastellati — gli viene dalla giunta regionale che ha approvato una proposta di modifica della legge regionale».

«Premesso che l’organo deliberante è il Consiglio regionale e non la giunta — precisa De Pasquale — le modifiche alla legge potrebbero essere quindi suscettibili di ulteriori aggiustamenti anche rilevanti, in commissione, con il rischio di dover rivedere alcuni aspetti essenziali del regolamento comunale».

Nel merito, ricorda il Cinque Stelle, il nuovo regolamento proposto riconosce la proprietà privata di alcune cave o porzioni di esse «in aperto contrasto con gli obiettivi e gli indirizzi da sempre condivisi, almeno a parole, anche dalle forze di maggioranza».

«La legge inoltre — ricorda il candidato sindaco — prevede procedimenti farraginosi, arbitrari e difficilmente attuabili per quelle cave in cui insistono beni estimati e agri marmiferi comunali, con il rischio di innescare nuovi ricorsi e contenziosi legali. Di contro — prosegue — non si prevede alcun vantaggio per il Comune in termini di incassi».

Secondo il Movimento 5 Stelle, si tratta di un «colpo di mano di un partito che ha gettato la maschera, avendo perso definitivamente ogni collegamento con i cittadini per chinarsi di fronte ai suoi influenti sostenitori locali e preferendo gli interessi di pochi costruiti sul benessere della collettività».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Trasparenza e partecipazione, la ricetta del M5S per il bilancio comunale

In caso di vittoria alle amministrative il Movimento 5 Stelle di Carrara adotterà “Bilancio Civico”, per avere tutti i numeri a portata di cittadino.

 

Carrara, 17/04/2017

 

Nel precedente appuntamento di campagna elettorale il candidato sindaco del M5S di Carrara, Francesco De Pasquale, aveva fatto appello ai sostenitori chiedendo loro coraggio ed impegno, e tale richiesta non è davvero caduta nel vuoto. Per quanto il calendario segnasse la vigilia di Pasqua, e nonostante un argomento estremamente tecnico come il bilancio, un folto pubblico ha preso parte all’incontro “Soldi pubblici, soldi tuoi – Bilancio e partecipazione”, che si è tenuto sabato pomeriggio nella sala dell’Autorità Portuale a Marina di Carrara.

«Finché non ci sarà vera trasparenza, non sarà data ai cittadini la possibilità di conoscere veramente le cose — ha introdotto De Pasquale — e noi vogliamo fare della trasparenza il nostro metodo di lavoro. Solo così sarà possibile invertire finalmente la rotta!».

È stato Matteo Martinelli, pronto a ricoprire il ruolo di assessore al bilancio, a entrare nel dettaglio e  illustrare ai presenti i vantaggi di un nuovo approccio nella pianificazione e nella gestione delle risorse. «Anche per quanto riguarda le società partecipate — ha precisato l’esponente pentastellato —intendiamo adottare criteri di selezione degli amministratori che privilegino la competenza e non l’appartenenza, come è invece avvenuto fino ad oggi con risultati che sono purtroppo sotto gli occhi di tutti».

Paolo Landi, consigliere comunale M5S a Vicopisano, ha poi presentato il software “Bilancio Civico”, al quale lavora da anni insieme ad altri attivisti. Si tratta di uno strumento capace di importare i dati del bilancio comunale e dare loro una nuova veste, rendendoli comprensibili a tutti i cittadini, con la possibilità di entrare nel dettaglio di ogni singola voce. «È solo grazie a strumenti di questo tipo e alla disponibilità di informazioni — ha proseguito il deputato Daniele Pesco — che i cittadini potranno cercare di difendere i loro interessi dagli appetiti del mondo finanziario».

Anche la senatrice carrarese Laura Bottici, sempre in tema di trasparenza, ha sottolineato la necessità di un deciso cambio di passo: «Carrara non è una città enorme, ma ha enormi potenzialità, ed è necessario che i cittadini siano finalmente coinvolti nelle decisioni necessarie per il suo rilancio».

In chiusura, l’invito di De Pasquale per il prossimo attesissimo appuntamento della sua campagna elettorale. Domenica 23 aprile, in piazza Finelli ad Avenza, tornerà in città il deputato Alessandro Di Battista.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

«Un albo pubblico per gli aspiranti manager delle partecipate»

Se ne parlerà nell’evento di domani, sabato 15 aprile, ore 16.30 all’Autorità Portuale di Marina di Carrara dedicato al tema “Bilancio e partecipazione”

 

Carrara, 14/04/2017

 

«Non solo politiche di bilancio ma anche un focus sulle partecipate del Comune». Lo dice il candidato sindaco Francesco De Pasquale, relativamente all’evento che si svolgerà domani, sabato 15 aprile alle ore 16.30 nella sala conferenze dell’Autorità Portuale di Marina di Carrara. «Il Movimento 5 Stelle — sottolinea — ritiene vergognosa la gestione delle aziende pubbliche da parte dei partiti, preoccupati soprattutto di asservirle a logiche di consenso elettorale o, nel migliore dei casi, utilizzarle come trampolino di lancio per personaggi politici senza arte ne parte».

 

“Soldi pubblici, soldi tuoi. Bilancio e partecipazione”. È il titolo dell’evento a cui parteciperà anche l’aspirante assessore al bilancio e partecipate, Matteo Martinelli. «Il M5S — afferma Martinelli — non intende sostituirsi meramente alla vecchia classe politica, ma modificare i criteri di nomina nelle società partecipate in modo da garantire scelte trasparenti e di qualità». Nel programma dei pentastellati, uno degli obiettivi sarà quello di istituire un albo pubblicato sul sito del comune, dove ogni cittadino che ritiene di avere le competenze adatte potrà inoltrare la propria candidatura e «sarà valutato — precisa — non per la militanza o la fedeltà al partito, ma prima di tutto per le competenze a qualità professionali».

 

Oltre a De Pasquale e Martinelli, saranno presenti anche i parlamentari di Senato e Camera, Laura Bottici e Daniele Pesco, entrambi membri della commissione finanze dei due rami del Parlamento. Inoltre ci sarà anche Paolo Landi, portavoce in Consiglio comunale a Vicopisano, a cui spetterà il compito di illustrare lo strumento del “Bilancio Civico”, un software in grado di assicurare maggiore trasparenza nella gestione del bilancio comunale.

 

«Riteniamo folle il progetto ideato dal Pd e dai suoi alleati di gestione accentrata e privatizzazione del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti» evidenzia De Pasquale. «Sulla base di tale percorso — prosegue — Amia  dovrebbe essere assorbita da un gestore unico che opererebbe nelle province di Massa Carrara, Lucca, Livorno e Pisa. Si tratta quindi della creazione di un enorme carrozzone, portatore di sprechi, inefficienze e peggiorato dalla presenza di un socio privato che, come noto, agirebbe in funzione del proprio profitto trascurando la qualità dei servizi e il valore dell’azienda. Questo si tradurrebbe, come già accaduto nel sud della toscana, in un aggravio tariffario e disservizi per i cittadini, disagi per i dipendenti».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

De Pasquale presenta la sua squadra: «Il coraggio di cambiare»

Sala di rappresentanza gremita per l’incontro “Idee e Persone in Comune”, con i ventiquattro candidati al consiglio comunale e i due assessori in pectore

 

Carrara, 07/04/2017

 

«Chiediamo ai cittadini il coraggio del cambiamento, certi di rappresentare l’unica vera possibilità di futuro per questa città». Non ha dubbi Francesco De Pasquale, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Carrara per le amministrative del prossimo 11 giugno, rivolgendosi direttamente ai cittadini durante l’evento “Idee e persone in Comune”, organizzato nella sala di rappresentanza di Palazzo Civico, che ha registrato il “tutto esaurito”.

 

Ad aprire la serata un video sulle bellezze di Carrara. E la prima parte dell’intervento del candidato è stata proprio dedicata alle potenzialità del nostro territorio. «Un territorio meraviglioso dai monti al mare — ha detto in apertura De Pasquale — e, nonostante questo, restiamo meravigliati di come sia assolutamente mancata la capacità, o forse la volontà, di metterne a frutto le enormi risorse».

 

La seconda parte del discorso di De Pasquale si è concentrata, invece, sul coraggio, il «coraggio di cambiare». «Ai nostri sostenitori, a tutti voi, chiediamo il coraggio della testimonianza. C’è assolutamente bisogno di portatori sani di cambiamento e vi chiediamo di sostenerci in questa lunga e quotidiana campagna elettorale, di partecipare alle nostre iniziative e, soprattutto, di essere per noi, e a maggior ragione per voi stessi, il seme di un cambiamento di cui la città ha assolutamente bisogno. Siate contagiosi, coinvolgente persone, dedicate un attimo del vostro presente al miglioramento del vostro futuro, siate coraggiosi».

 

Da segnalare anche il passaggio su una delle risorse più importanti del nostro territorio: il marmo e le cave. A questo proposito De Pasquale che ha smentito una volta per tutte le voci che girano insistentemente in città circa una fantomatica volontà del M5S di chiudere le cave. «Probabilmente c’è qualcuno che ha convenienza a far girare queste voci per ostacolare l’arrivo del Movimento 5 Stelle alla guida della città, ma lo ribadiamo anche in questa sede: il Movimento 5 Stelle non vuole chiudere le cave. Il Movimento è per la legalità».

 

Nel corso dell’evento è stato il turno anche della presentazione dei 24 candidati al Consiglio comunale che riportiamo di seguito: Franco Barattini, 56 anni; Marco Barilli, 53 anni; Cesare Bassani, 55 anni; Barbara Bertocchi, 44 anni; Lucilla Calzolari, 67 anni; Mario Calzolari, 57 anni; Sara Francesca Cucurnia, 37 anni; Daniele Del Nero, 48 anni; Stefano Dell’Amico, 48 anni; Daniele Ghiotti, 29 anni; Gabriele Guadagni, 31 anni; Tiziana Guerra, 44 anni; Mauro Lancioni, 62 anni; Ivan Lenzoni, 46 anni; Giovanni Montesarchio, 30 anni; Marzia Gemma Paita, 48 anni; Michele Palma, 48 anni; Anna Maria Piombino, 46 anni; Daria Raffo, 44 anni; Daniele Raggi, 46 anni; Francesca Rossi, 44 anni; Giacomo Santini, 49 anni; Elisa Serponi, 33 anni; Nives Spattini, 59 anni.

 

Spazio anche agli aspiranti assessori, Matteo Martinelli e Andrea Raggi che hanno presentato le parti più importanti del programma legate alle deleghe che acquisiranno. Martinelli, che se il M5S vincerà le prossime amministrative rileverà le deleghe a bilancio, tributi e partecipate, ha messo in evidenza come la riduzione della pressione fiscale per i cittadini e dell’indebitamento per il Comune sarà possibile con una «riscossione efficiente dei contributi provenienti dal settore lapideo».

 

Mentre Raggi, designato per l’assessorato ad attività produttive, lavori pubblici ed economia del mare ha presentato il progetto del porto “a 5 Stelle” che ha l’obiettivo di sfruttare la struttura esistente, separando la funzione commerciale da quella turistica che verrebbe realizzata a ponente.

 

Il prossimo evento pubblico si svolgerà sabato 15 aprile alle 16.30 all’Autorità Portuale di Marina, dove si parlerà di un altro dei punti caratterizzanti del programma a 5 Stelle: il bilancio partecipato e trasparente.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Porto, i Cinque Stelle incontrano la presidente dell’Authority

Scambio di vedute sul futuro dello scalo di Marina di Carrara tra Francesco De Pasquale e Carla Roncallo. «Soddisfatti della disponibilità dell’Autorità Portuale»

 

Carrara, 06/04/2017

 

«Siamo soddisfatti per la disponibilità della presidente Roncallo a incontrarci e ad avere avuto un costruttivo scambio di vedute sul futuro del porto». Così il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Francesco De Pasquale, al termine dell’incontro con la presidente dell’Autorità Portuale della Spezia e Marina di Carrara, Carla Roncallo.

 

All’incontro, avvenuto nella sede di viale Colombo, hanno partecipato anche gli aspiranti assessori Matteo Martinelli e Andrea Raggi. Quest’ultimo, designato ad acquisire le deleghe alle attività produttive ed economia del mare, ha esposto alla presidente il progetto del Movimento 5 Stelle per un “porto a 5 Stelle”. Progetto che, lo ricordiamo, ha l’obiettivo di separare la funzione commerciale del porto, che dovrebbe essere creata a levante, e quella turistica con porticciolo e stazione marittima sul molo di ponente.

 

La presidente si è detta disponibile a ragionare sul futuro del porto con chi amministrerà la città nei prossimi anni e ha ben accolto la richiesta di incontro da parte del Movimento 5 Stelle.

 

Allo stesso tempo la presidente ha ribadito la mission dell’Autorità Portuale, cioè quella di incrementare i traffici commerciali, e per questo vede di buon occhio un ampliamento dell’attuale scalo marittimo. Un elemento di divergenza con la proposta del Movimento 5 Stelle, per cui si dovrebbe valorizzare la struttura esistente con un’area riservata al diporto che si andrebbe ad aggiungere al già presente Club Nautico.

 

Non sono mancati però gli elementi di convergenza. La necessità di un travel lift per le aziende della nautica, proposta presente nel progetto pentastellato, è condivisa dalla presidente Roncallo. «Il porto dovrà diventare una risorsa anche per i cantieri nautici» ha sottolineato Raggi.  Inoltre anche l’incremento del traffico crocieristico è stato un tema condiviso.

 

«Il nostro intento — ha spiegato Raggi — è quello di trasformare in una convivenza felice la vocazione commerciale-industriale e la necessità di un porto turistico, che non sia impattante sull’ambiente».

 

Sostanziale uniformità di vedute anche sulla necessità di intervenire quanto prima col progetto del waterfront, con particolare riferimento ai lotti 2 e 4 che riguardano la riqualificazione di viale Da Verrazzano e il rifacimento della diga foranea, «interventi che darebbero sicuramente lustro a Marina» ha sottolineato il candidato sindaco.

 

«Sicuramente c’è stata convergenza sulle necessità — ha commentato De Pasquale — e ci auguriamo che questo sia il primo di una serie di incontri che vorremmo continuare anche quando saremo chiamati ad amministrare il comune nell’interesse dei cittadini».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Lavello inquinato, De Pasquale: «Una bomba ecologica a cielo aperto»

I Cinque Stelle di Massa e Carrara hanno incontrato residenti e pescatori. Questione già portata all’attenzione della Regione. Si attiveranno anche i portavoce all’Europarlamento

 

Carrara, 03/04/2017

 

«È una bomba ecologica a cielo aperto». Il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Carrara, Francesco De Pasquale, ha definito così la situazione del torrente Lavello, al confine tra i territori comunali di Massa e Carrara. Una situazione insostenibile per la quale i pentastellati hanno risposto con sopralluogo nella zona della foce. Insieme a De Pasquale anche il portavoce in Consiglio comunale Federico Bonni e la portavoce in Consiglio comunale di Massa Luana Mencarelli che insieme a una decina di attivisti hanno incontrato alcuni residenti che abitano nei pressi del corso d’acqua.

 

Gli abitanti della zona hanno messo in evidenza come spesso nella zona l’aria sia irrespirabile per gli sversamenti di liquami, spazzatura e, probabilmente, sostanze tossiche che nei mesi passati hanno causato anche una moria dei pesci. «Paghiamo la tassa per la bonifica — ha detto una residente a De Pasquale — e abbiamo a che fare con un torrente così inquinato, che alimenta anche il proliferare di topi».

 

La questione Lavello è già stata portata all’attenzione della Regione Toscana alcuni mesi fa. In una mozione il portavoce in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, ha chiesto l’istituzione della “bandiera marrone” per tutte le amministrazioni dei comuni in cui «non è ancora attiva la depurazione — è scritto nell’atto — o nei comuni in cui si verificano gravi malfunzionamenti degli impianti di depurazione, con il conseguente sversamento di sostanze inquinanti in mare o nei fiumi».

 

Nella stessa mozione, i pentastellati hanno puntato il dito contro l’impianto di purificazione: «La causa di tali sversamenti — si legge nel documento — è da imputare al malfunzionamento del nuovo depuratore di Gaia, all’ex-Cersam, inaugurato da pochi mesi e costato circa 8,5 milioni di euro».

 

«I dati parlano chiaro — continua la mozione — nel 2013 per il depuratore Lavello sono state elevate 19 sanzioni. Nel 2014, sono stati effettuati n. 87 controlli analitici degli scarichi ai 4 depuratori e sono state elevate in totale 14 sanzioni, di cui 9 al depuratore Lavello. Nel 2015 le sanzioni al depuratore lavello sono state 8».

 

«Avevamo fatto richiesta alle autorità preposte — ha evidenziato Luana Mencarelli — di conoscere i risultati delle analisi delle acque in entrata e in uscita dal depuratore, ma a oggi non abbiamo ancora ricevuto risposta. Restiamo in attesa».

 

«Per un’azione ancor più incisiva, abbiamo chiesto ai nostri portavoce in Regione e all’Europarlamento di attivarsi» ha evidenziato De Pasquale. E su questo fronte — fanno sapere i pentastellati — ci saranno presto novità.

 

Non solo di inquinamento del Lavello si è parlato, infatti nella zona del “Bozzetto” i Cinque Stelle hanno incontrato alcuni pescatori che hanno segnalato in particolare, oltre ai problemi sollevati dai residenti, anche l’irrisolta questione dell’insabbiamento dell’imboccatura del piccolo specchio d’acqua che di fatto impedisce alle imbarcazioni di raggiungere il mare.

 

«La sabbia che viene dragata dall’ingresso del porto di Marina di Carrara viene riversata nel mare qui di fronte — ha spiegato Mauro Bedini, presidente dell’associazione sportiva “Il Bozzetto” — e l’azione del mare porta tutta questa sabbia verso terra, tappando l’imboccatura».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Via alla campagna elettorale con Nogarin: De Pasquale è pronto a fare il sindaco

Il sindaco di Livorno ha illustrato a Marina di Carrara le opportunità e gli ostruzionismi che attendono un’amministrazione a Cinque Stelle

 

Carrara, 02/04/2017

 

Prima uscita ufficiale di Francesco De Pasquale come candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Carrara. Il pentastellato ha accolto nella sala conferenze dell'Autorità Portuale di Marina di Carrara il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin. In una sala gremita di cittadini, si è svolto un interessante faccia a faccia tra il portavoce carrarese e il primo cittadino, l’unico comune toscano amministrato dal Movimento.

 

«Amministrare una città dopo decenni di dinamiche di spartizione del potere — ha esordito Filippo Nogarin — sarà un’impresa molto complicata, più di quanto si possa immaginare. Per riuscire a passare dallo schema tradizionale, secondo il quale l’appartenenza politica garantisce obiettivi e poltrone, a un modello che abbia come unico obiettivo il conseguimento dei punti di programma, sarà fondamentale procedere a piccoli passi e instaurare innanzitutto con chiarezza e coerenza un rapporto proficuo con la macchina amministrativa, spesso poco reattiva rispetto a quelli che sono i veri obiettivi dei territori».

 

E dopo aver illustrato ai presenti le battaglie che hanno caratterizzato l’amministrazione livornese, soprattutto a difesa della funzione pubblica e dell’efficienza delle partecipate, Nogarin ha concluso con un auspicio. «Il mio augurio non è rivolto tanto al candidato sindaco, ma alla città, affinché sappia comprendere le difficoltà inevitabili che attendono chi si appresta a mettere mano a tutti i disastri fatti in passato. Troppo spesso la politica — ha proseguito — ha costretto i cittadini a subire decisioni prese altrove, a Firenze in particolare, senza nessuna visione strategica e senza nessuna attenzione verso le esigenze dei territori».

 

Situazione senza dubbio ben chiara anche al candidato carrarese. «Se i cittadini vorranno darci fiducia abbiamo coscienza — ha puntualizzato Francesco De Pasquale — di dover partire da una situazione di dissesto. Anzi, di dissesti. Quello di bilancio, dove per l’aleatorietà delle entrate del marmo e per l’incapacità di incassare quanto dovuto non si riesce far fronte alle uscite correnti ed alla pesante situazione di indebitamento. Quello idrogeologico, con la necessità di avviare quanto prima un efficiente piano di messa in sicurezza del territorio. E quello relativo alle opere incompiute, dal Marble Hotel al Mediterraneo, dal Politeama alla Padula, fino al teatro Animosi non ancora completamente restituito alla città, vere ferite nell’animo dei carraresi».

 

Ma non sono certo le inevitabili difficoltà di insediamento a spaventare De Pasquale che, dopo un’interessante scambio di esperienze e approfondimenti su temi sentiti quali rifiuti, acqua, trasporti e sanità, ha chiuso l’incontro con la presentazione del progetto elaborato dall’ingegner Giovanni Vatteroni per il rilancio del porto di Marina di Carrara. «Per avere un porto a cinque stelle — ha concluso il candidato — non è necessario pensare a grandi infrastrutture e a milioni di metri cubi di cemento, ma ottimizzare l’esistente a beneficio delle aziende locali e del territorio, per conseguire in tempi brevi e a costi contenuti la tanto attesa realizzazione del porticciolo turistico, che da sempre abbiamo immaginato all’interno dell’attuale porto commerciale, complessivamente rivisitato e reso più funzionale».

 

Il prossimo appuntamento ufficiale è previsto per venerdì 7 aprile a Carrara, nella sala di rappresentanza del Comune, con la presentazione alla cittadinanza dei ventiquattro candidati al Consiglio comunale e l’illustrazione dei punti salienti del programma amministrativo.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Pagina 1 di 45

Sostieni il M5S Carrara

paypal carrara 2017

Logo

29.05.2017 - 09:00
Luogo: Mercato Carrara

30.05.2017 - 21:00
Luogo: fossone

Attualmente siamo 611 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange