Carrara 5 Stelle

Daniele Ghiotti

Daniele Ghiotti

Marzo da record per l’asportazione delle terre


Il primo trimestre del 2019, con 237.661 tonnellate di terre asportate dal monte, ha fatto registrare il miglior risultato dal 2005 a oggi: mai nel corso degli ultimi quattordici anni il totale di materiale sceso dal monte al mese di marzo aveva raggiunto quantitativi così elevati. Si tratta di un risultato importante che conferma l’efficacia dell’impegno dell’amministrazione nel perseguire l’obiettivo di far incrementare l’asportazione di questi materiali, un fattore fondamentale dal punto di vista della sicurezza idrogeologica del territorio. Tra i primi provvedimenti voluti dall’amministrazione di Francesco De Pasquale c’è stato proprio quello dell’intensificazione dei controlli al monte sugli stoccaggi di terre: questo giro di vite ha innescato un circolo virtuoso che ha stimolato gli imprenditori a cercare nuovi e ulteriori sbocci di mercato per questo materiale, con conseguente aumento dei quantitativi scesi dal monte e miglioramento delle condizioni di sicurezza del territorio.

 

I dati lo confermano. Nel primo trimestre del 2019 sono scese a valle un totale di 237.661 tonnellate di terre: 66.239 a gennaio, 90.038 a febbraio e 81.384 a marzo. Per ritrovare numeri simili bisogna andare indietro addirittura al 2005 quando nel primo trimestre vennero asportate 210.404 tonnellate. Tenendo a riferimento ancora il primo trimestre dell’anno, la svolta impressa dall’input imposto dall’amministrazione è particolarmente evidente se si vanno a leggere i dati più recenti: da gennaio a marzo 2014 furono rimosse solo 26.433 tonnellate, nello stesso periodo del 2015 appena 57.111 tonnellate, l’anno successivo 40.105 tonnellate e 29.851 tonnellate nel 2017. Tra il primo trimestre del 2017 e lo stesso periodo del 2018, quindi subito dopo il giro di vite sui controlli, i quantitativi sono più che raddoppiati passando da 29.851 a 80.787 tonnellate; tra il 2018 e il 2019, nello stesso periodo dell’anno, il materiale asportato è quasi triplicato, salendo da 80.787 tonnellate a 237.661 tonnellate.

 

Il trend è confermato e ancora più evidente dalla lettura dei dati annuali: nel 2017 sono state asportate complessivamente 144.117 tonnellate a fronte di appena 97.346 tonnellate scese dal monte nel 2016; il 2018 si è chiuso con 419.060 tonnellate asportate, il miglior risultato dal 2013.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Difformità, il Tar “convalida” le scelte dell’amministrazione


L’amministrazione di Francesco De Pasquale nel gestire il caso “difformità” ha agito con correttezza e tempestività contribuendo da un lato a ripristinare il rispetto della legalità e dall’altro a tutelare le attività produttive.  La sentenza del Tar dei giorni scorsi è dunque un’ulteriore conferma di quello che come Movimento5Stelle sosteniamo da sempre ovvero che l’attività estrattiva deve potersi tenere nel rispetto delle regole e dell’ambiente. Il dispositivo del tribunale amministrativo sancisce senza ombra di dubbio che la decisione dell’amministrazione di condividere la linea della Regione Toscana su perimetratura e varianti postume è stata corretta e che - diversamente da quanto qualcuno ha voluto se non proprio scolpire ma quanto meno scrivere in rosso vivo sulla pietra - le cave non sono state chiuse per un “semplice parere”.


A chi poi in questi giorni nel commentare il provvedimento del Tar e la condotta di Francesco De Pasquale chiama in causa la lettera scritta dal primo cittadino a fine luglio, parlando di una “retromarcia del sindaco”, ricordiamo che proprio quella missiva è stata fondamentale per la genesi del 58bis, la norma transitoria che ha evitato la decadenza delle autorizzazioni delle cave dove erano stati rilevati i fuori piano. Senza quel grido di allarme, messo nero su bianco dal sindaco a poche ore dall’avvio dei procedimenti di sospensione delle attività, oggi tante cave sarebbero chiuse per sempre. Senza quella lettera non sarebbe nato il percorso, lungo e tutto in salita, che ha permesso all’amministrazione comunale di convincere la Regione Toscana a non applicare sic et simpliciter la legge 35 (che fino alla scorsa estate prevedeva per le difformità del caso la decadenza delle autorizzazioni) ma a scrivere una norma transitoria, cosa che ha di fatto salvato centinaia di posti di lavoro.


Certo la legge regionale in materia di cave può e deve ancora essere migliorata in alcuni punti strategici per la nostra città, una cosa su cui come gruppo consiliare abbiamo dato mandato all’amministrazione di attivarsi. Non solo: la vicenda delle difformità ci ha insegnato che, fermo restando il faro del rispetto della legalità, sia assolutamente urgente l’avvio di un confronto con tutti gli enti deputati ai controlli per la condivisione di un sistema di tolleranze legate agli “errori” materiali legati all’attività di escavazione. Come gruppo consiliare siamo pienamente soddisfatti dell’operato della giunta e siamo convinti che, dopo un anno e mezzo di mandato, presto anche sul fronte del settore lapideo i cittadini inizieranno a vedere i frutti dell’ottimo lavoro svolto: sì perché mentre con grande fatica poneva rimedio ai danni provocati da decenni di mala gestione della città, questa amministrazione è riuscita nella non semplice impresa di trovare anche il tempo di seminare bene, come dimostra l’avvio del sistema di tracciabilità.


La vicenda dello Stadio è un esempio lampante della recente storia politica della nostra città: in sei mesi l’attuale amministrazione ha investito nell’opera di adeguamento dell’impianto la cifra – circa 600mila euro – che ci ha preceduti ha speso in 15 anni lasciandoci una struttura fatiscente e non a norma. Sorprende che anche a fronte di questi numeri schiaccianti, e nonostante i verbali delle Commissioni di Pubblico spettacolo, qualche forza politica della vecchia maggioranza abbia ancora il coraggio di parlare: forse questi signori fanno finta di dimenticare che la tanto sbandierata agibilità del 2015 – rilasciata con atti attualmente al vaglio della magistratura – è stata completamente “smentita” dal parere del 2018 dove, senza che nessuno fosse andato nottetempo a smantellare l’impianto – si ritrovano praticamente tutte le prescrizioni segnalate già nel 2005 e mai adempiute.


Nel settore lapideo è successa la stessa cosa e la vicenda delle sanzioni per le difformità lo dimostra: l’amministrazione De Pasquale si è trovata a dover rimediare ad anni di gestioni scellerate. Lo ricordiamo ai soliti smemorati che tanto si scaldano in queste ore, come il Psi che sulle difformità continua a difendere una linea stroncata dal Tribunale amministrativo e che ha addirittura il coraggio anche solo di citare i Piani Attuativi. A tutti loro ricordiamo che anche in questo caso, l’attuale amministrazione sta correndo contro il tempo per colmare il ritardo accumulato da chi ci ha preceduto e che pur avendo due anni di tempo a disposizione è riuscito a malapena ad avviare il procedimento per questo strumento.


Detto questo come gruppo consiliare auspichiamo che “quelli di prima”, invece di confidare su improbabili vuoti di memoria di una città che li ha già ampiamente e ripetutamente giudicati esprimendosi attraverso le urne, non sprechino più tempo in sterili polemiche ma inizino a usare la loro tanto sbandierata competenza ed esperienza per dare un contributo fattivo e presentare proposte costruttive al miglioramento. Cose che finora non si sono viste né nel dibattito pubblico né in consiglio comunale.

 

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Casa di Riposo Regina Elena: soddisfazione per i risultati raggiunti dal CdA e auguri di buon lavoro al nuovo direttore, dr. Fariello


Si è insediato lunedì 18 marzo il nuovo direttore della Casa di Riposo Regina Elena, dottor Francesco Fariello.

La scelta del dottor Fariello è avvenuta in modo del tutto trasparente e per competenze: un ringraziamento particolare alla commissione che si è occupata della selezione, composta dal Segretario Generale del Comune, da un professore universitario e da una dirigente ASL esperta in vigilanza, per aver messo al primo posto la ricerca di competenza e trasparenza e per aver seguito scrupolosamente le selezioni attraverso i due bandi aperti, il primo a cui hanno preso parte 9 persone di cui una ammessa all'orale ma rinunciataria, e il secondo in cui hanno partecipato 26 candidati.

Il dottor Fariello ha parlato alla Commissione II - Bilancio e Società Partecipate, riunitasi questa settimana, sostenendo di aver trovato un clima positivo, una grande partecipazione e un interesse dell'Amministrazione che non è da sottovalutare. Buono il servizio agli ospiti, che non mancano di riferire quanto siano soddisfatti.

Alcuni aspetti da migliorare saranno invece da approfondire e da modificare in base all'indirizzo politico dell’Amministrazione: fra questi sarà necessario adeguarsi alla nuova normativa sulla privacy.

Grazie al supporto del CdA, guidato dal dottor Profili, si punterà alla specializzazione del Servizio residenziale, concentrandosi sul servizio Alzheimer attualmente diurno e cure intermedie.


Grazie proprio alla linea strategica che è stata seguita in questo anno di insediamento del CdA ha portato ad una riorganizzazione della struttura interna:

- internalizzato il servizio infermieristico per avere un servizio unico e compatto

- anticipato il nuovo bando delle cooperative

- miglioramento di un servizio di attività di animazione con partecipazione ad un programma televisivo


Soddisfazione del MoVimento 5 Stelle per la realtà patrimoniale del Regina Elena che si dimostra essere solida, grazie all’appianamento della perdita avvenuto solo nell’ultimo anno e all'internalizzazione di alcuni servizi.

Al dottor Fariello gli auguri di buon lavoro da parte del gruppo consiliare, e un buon proseguimento al CdA guidato dal dottor Profili e a tutti i dipendenti.

 

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Grazie al Governo Conte, a Carrara 170.000 euro

Martedì 09 Aprile 2019 15:31 Pubblicato in Comunicati stampa

M5S: Grazie al Governo Conte, a Carrara 170.000 euro

Soddisfazione del MoVimento 5 Stelle di Carrara per l’approvazione del Decreto Crescita e della Norma Fraccaro.


Approvato questa settimana dal Consiglio dei Ministri il Decreto Crescita grazie al quale, con la cosiddetta “Norma Fraccaro”, i Comuni toscani riceveranno oltre 21 milioni suddivisi in base alla popolazione residente: a Carrara spetteranno 170.000 euro.

Grazie a queste risorse sarà possibile finanziare opere per promuovere il risparmio energetico negli edifici pubblici e per consentire l’installazione di impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili. Sarà inoltre possibile utilizzare i fondi per la messa in sicurezza degli edifici pubblici, oltre a finanziare progetti per la mobilità sostenibile e per l’abbattimento delle barriere architettoniche.

«Grazie al Governo Conte e al Ministro per la Democrazia Diretta, Riccardo Fraccaro, Carrara avrà a disposizione nuove risorse - esprime soddisfatto il capogruppo Daniele Del Nero, a nome del MoVimento locale -: un finanziamento che ci aiuta nel campo dell'efficientamento energetico e che ci permetterà di continuare l'opera di messa in sicurezza degli edifici pubblici, permettendoci di guardare a nuovi progetti di mobilità sostenibile»

 

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

M5S: Prosegue il "Pacchetto Asfaltature", nuovi tratti completati

Soddisfazione da parte del Gruppo Consiliare per i lavori in atto, e per quelli a seguire, per la manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi.

 

Come molti carraresi avranno potuto notare, sono diversi i cantieri aperti lungo le principali arterie stradali della nostra città. Questo grazie alla manutenzione straordinaria di strade e marciapiedi programmata e messa in atto dall'Amministrazione Comunale.

Fino a oggi, le manutenzioni straordinarie che sono state eseguite sono state le seguenti:

- messa in sicurezza del Canal del Rio in via San Francesco

- asfaltatura in zona Peep di Avenza, con il successivo completamento delle nuove rotatorie

- ripristino delle asfaltature parziali in via Covetta e in via Pucciarelli

- asfaltatura e verniciatura del parcheggio al Cimitero di Turigliano

- asfaltatura Via Fiorino

- asfaltatura Via del Giardino (Colonnata)

Le manutenzioni, che possono causare disagio al transito veicolare, al momento sono in atto in via G. Bosco, in via Candia Bassa, in Via Carriona (nel tratto che va da Via Brigate Partigiane alla Via Aurelia).

«Una manutenzione stradale - riferisce Gabriele Guadagni, presidente della V° Commissione Lavori Pubblici - che Carrara attendeva da diversi, troppi anni. E' stata necessaria una programmazione puntuale, grazie anche agli uffici e all'assessore Andrea Raggi, necessaria per creare meno disagi possibili alla cittadinanza. Serve tempo, lo abbiamo sempre detto: ai cittadini non possiamo che ricordare di avere pazienza, i lavori da fare sono tanti, richiedono particolare attenzione e, soprattutto, una determinata capacità economica. C’è una scala di priorità: prima di strade e marciapiedi, ci siamo trovati ad affrontare l’emergenza dell’edilizia scolastica. Ora abbiamo potuto dare il via a questa grande opera di manutenzione stradale.»

«A breve inoltre - conclude Guadagni - partiranno i lavori di rifacimento del marciapiede in viale Colombo, nel tratto da via Rinchiosa a Via Modena mentre, per il 2019, è allo studio un piano di interventi per ulteriori asfaltature, oltre alla progettazione del nuovo marciapiede ASL di Avenza»

Ulteriori cantieri aperti in città riguardano la verniciatura della segnaletica orizzontale in Via Covetta (oltre a quella avvenuta a novembre lungo tutto il Viale XX Settembre, da San Ceccardo a Marina di Carrara), e i lavori alla storica scalinata "del Boccalone" in Via Roma, chiusa ormai da diversi anni.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Grande soddisfazione per il bilancio di Apuafarma

Mercoledì 03 Aprile 2019 18:30 Pubblicato in Comunicati stampa

M5S: Grande soddisfazione per il bilancio di Apuafarma presentato ieri dal dott. Cimino e dal CdA, alla presenza di esponenti dell'Amministrazione Comunale.

Il gruppo consiliare esprime grande soddisfazione per il lavoro svolto dal dott. Cimino e dal CdA di Apuafarma, che ha permesso di risollevare una partecipata portandola a risultati a dir poco eccellenti: un notevole incremento dell’utile, dettato non solo dal tempio crematorio ma da tutti i servizi offerti, una riduzione delle consulenze per oltre 90 mila euro e una riduzione dell'indebitamento generale di quasi il 12%.

Un ottimo risultato anche dal punto di vista della gestione del personale: l’aumento delle ore commissionate sia sui servizi sociali che sui centri estivi, l’aumento di orario degli autisti per permettere una più puntale cura dei mezzi, l’abbassamento delle quote pasto per le cuoche con conseguente assunzione di personale al fine di migliorare sia le condizioni di lavoro che la qualità del servizio, il rafforzamento dei servizi amministrativi e i premi di produzione introdotti per i dipendenti delle farmacie.

«Risultati così ci rendono fieri del lavoro svolto dal nuovo CdA che, così come all'atto del suo insediamento, gode e continua a godere della stima del MoVimento 5 Stelle di Carrara. Siamo sicuri e fiduciosi che con il loro ingresso nella nuova Nausicaa, anche la nuova società raggiungerà ottimi traguardi.»

«Apuafarma ha prodotto, grazie al lavoro del dott. Cimino, dei risultati che vanno oltre tutte le nostre più rosee aspettative» esprime soddisfatto il capogruppo M5S, Daniele Del Nero.

«Questi risultati - conclude Del Nero - confermano quindi le capacità e le competenze di cui il CdA è dotato: capacità e competenze che hanno portato una nostra partecipata ad abbattere i debiti, a diminuire le spese per le consulenze, ad azzerare gli sprechi e a raggiungere un utile che permetterà di investire sempre più in strutture, personale e servizi.»

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

“Da Comune a Comunità”: presentazione pagina delle associazioni e Regolamento Comunale per la Gestione Condivisa dei Beni Comuni

Si è tenuta oggi alle 17,30 la conferenza dal titolo “Da Comune a Comunità”, preparata dalla Presidenza del Consiglio e che ha avuto come relatori il operatore territoriale di Cesvot area Costa, Francesco Binelli, che ha parlato di beni comuni, progettazione e fare rete, con particolare riferimento al terzo settore e al mondo dell'associazionismo, ed i nostri consiglieri comunali Tiziana Guerra e Daniele Del Nero. Un evento a cui erano invitate tutte le associazioni del territorio, dallo sport alla cultura, al terzo settore, perché gli strumenti di cui l’amministrazione si è dotata sono importantissimi per aumentare il livello di conoscenza, rapporto e collaborazione fra associazioni, cittadini ed amministrazione.


È per noi un passo importante quello che è stato presentato oggi alle associazioni che hanno partecipato, perché da una parte si è dato vita ad uno spazio del portale comunale dove le associazioni potranno iscriversi e diventare facilmente raggiungibili per il cittadino, dall’altra si è presentato uno strumento che potrà permettere in maniera agevole di mettere in atto tutta una serie di collaborazioni fra amministrazione e cittadini, utili a portare miglioramento nella gestione condivisa di qualsiasi situazione le associazioni ed i cittadini ritengano di poter occuparsi per il bene comune.


Sono in effetti due strumenti che al loro interno contengono quanto previsto dal nostro programma elettorale , ossia dare voce e spazio alle associazioni, permettere una maggiore conoscenza delle realtà presenti sul territorio, aumentare il livello partecipativo e collaborativo fra amministrazione, associazioni, cittadini ed aprire un percorso di partecipazione alla gestione della vita e della cura del territorio.


Ci auguriamo che questi strumenti vengano utilizzati da tutte le associazioni e che il loro fine possa così essere perseguito. Ringraziamo tutti coloro che sono intervenuti ed informiamo che chi non ha potuto prendere parte alla conferenza potrà in ogni momento avere informazioni rivolgendosi ai due relatori: 
Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Sopralluogo distaccamento facoltà infermieristica a Massa

 

Giovedì 28 marzo la commissione 1, sanità, presieduta dalla consigliera Elisa Serponi, si è recata presso la sede distaccata dell’università di infermieristica di Pisa, conosciuta come “scuola infermieri” di Massa.

La commissione ha effettuato un sopralluogo, al fine di apprendere le dimensioni dell’immobile la quantità di iscritti e docenti, col fine futuro di valutare in quale stabile collocare la scuola stessa presso il comune di Carrara, così come previsto dagli accordi PAL già da anni.

“Abbiamo preso visione degli spazi, chiesto informazioni sul numero degli iscritti e degli insegnanti” spiega la presidente Elisa Serponi “abbiamo anche riscontrato una grossa difficoltà al raggiungimento della scuola attraverso i mezzi pubblici,data la distanza dello stabile da stazione fs e capolinea bus.

Ricordo inoltre che il Pal, prevede la collocazione del distaccamento della facoltà universitaria di infermieristica presso il comune di Carrara, ed è nostra volontà dare piena esecuzione agli accordi presi, trasferendo la scuola infermieri nel nostro comune al più presto”.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Tracciabilità del marmo

Giovedì 28 Marzo 2019 12:58 Pubblicato in Comunicati stampa

Stefano Dell'Amico (M5S): Prendiamo atto, ancora una volta, della scarsa volontà da parte dell’opposizione di dare il proprio contributo e collaborare per un vero cambiamento a favore della città e dei cittadini.


Ormai non fa più specie la memoria corta di chi ha governato per anni questo territorio e che in questo settore, il marmo, ha mantenuto sempre un ruolo di sudditanza e ancora oggi non si vergogna di difendere l’immobilismo assoluto che ha caratterizzato la loro politica, compresa la volontà di rimandare nel tempo, ai loro successori, un numero assurdo di situazioni critiche e che oggi presentano a noi e tutte insieme un conto che chi ci ha preceduto non è stato capace o non ha avuto il coraggio di risolvere.

 

Durante la commissione marmo del 25 marzo scorso, in cui è stato presentato il sistema di tracciabilità in corso di adozione, è stato sconfortante, a momenti anche imbarazzante, vedere l’espressione di derisione e sufficienza fin dalle prime parole sui volti di 2/3 dei consiglieri di opposizione che hanno commentato solo con critiche negative l’interessante presentazione dell’ing. Paolo Giusti durata quasi 2 ore.

 

Viene da pensare che argomenti quali, innovazione tecnologica, intelligenza artificiale e big data, non siano di semplice dimestichezza per chi milita in partiti mesozoici, la cui prerogativa è quella di difendere status quo e interessi di chi li sostiene, respingendo tutto ciò che non esce dai loro limitati schemi di partito.

 

Nell’esilarante comunicato uscito oggi, il PD dichiara pubblicamente, mettendo nero su bianco, le proprie considerazioni di sfiducia sulla classe imprenditoriale del marmo che evidentemente reputa come evasori fiscali incalliti. Nell’articolo si demonizza l’autocertificazione e si rivendica la paternità del numero di blocco univoco. Vogliamo ricordare che nella bozza di regolamento del 2015 citato nell’articolo, annunciato però nel 2012, si fa riferimento ad una sigla progressiva non ripetibile con numero di cava e anno di riferimento. Peccato però che “agli smemorati” sia “sfuggito ricordare” che nelle righe successive di quella bozza di regolamento sia riportato anche quanto segue:

 

“Al passaggio presso le pese pubbliche comunali, il vettore del mezzo che trasporta i blocchi estratti deve digitare tale sigla nell’apposita apparecchiatura di cui è dotata ogni pista di pesatura e scannerizzare il documento di trasporto relativo al carico trasportato.”

 

Sempre nella bozza del regolamento del 2015, inoltre, si delegava l’autocertificazione a terzi e non al concessionario della cava: alla faccia dell’appecoronamento ai poteri forti!

 

Ricordiamo al PD che dichiarare il falso nell’autocertificazione è punibile penalmente.

 

Nell’articolo sono riportate informazioni che rappresentano l’interpretazione di chi non ha compreso il contenuto della relazione fatta dai tecnici, non solo, a metà commissione con sufficienza se n’è andato lasciando la seduta.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Sopralluogo alle case popolari di Caina

Giovedì 28 Marzo 2019 12:56 Pubblicato in Comunicati stampa

Sopralluogo alle case popolari di Caina

 

Nella giornata di ieri, mercoledì 27 marzo, alle 14,30 la commissione 4 (Politiche abitative, politiche sociali, pari opportunità, diritti degli animali) ha effettuato un sopralluogo presso lo stabile di Caina , accompagnata dall’amministratore unico di ERP dott Luca Panfietti e dal direttore generale Giuseppe  Lazzerini.

“La realtà a noi presentata è quella di una struttura praticamente pronta per la consegna. Dopo varie vicissitudini siamo oggi di fronte a 34 appartamenti che saranno a breve messi a disposizione del settore Politiche abitative e che potranno essere destinati alle famiglie secondo la graduatoria in vigore per l’assegnazione di alloggi ERP”  ha commentato la presidente della commissione Tiziana Guerra.

“Gli alloggi sono confortevoli e ormai in fase di ultimazione. Lo stabile è dotato di particolari attenzioni verso il risparmio energetico, poiché munito di pannelli fotovoltaici e impianto di riscaldamento a pavimento. Ringrazio l’amministratore unico di ERP per la disponibilità ad accogliere la commissione in visita e per aver illustrato ai membri la qualità e le caratteristiche delle abitazioni che saranno presto destinate ai nostri concittadini” ha concluso la presidente.

 

Movimento 5 Stelle Carrara

 

Pagina 1 di 24