Carrara 5 Stelle

Sabato 10 Febbraio 2018 21:26
Valuta questo articolo
(1 vote)

Il M5S ribatte all’opposizione: “Sui beni estimati posizioni davvero imbarazzanti”

Il M5S ribatte all’opposizione: “Sui beni estimati posizioni davvero imbarazzanti”

Decisa presa di posizione del gruppo consiliare. “Si cerca di screditare De Pasquale pur nell’evidenza delle gravissime responsabilità delle amministrazioni precedenti.”


Pronta replica del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle alle esternazioni di minoranza in tema di beni estimati. “Innanzitutto – così apre il comunicato - registriamo la prima imbarazzante uscita pubblica del nuovo segretario comunale del Pd che, come stile e contenuti, non sembra affatto diverso da chi lo ha preceduto. Non sappiamo se i contenuti delle sue parole siano carenti per incompetenza, oppure per mancanza di conoscenza di quanto fatto dalla sinistra e dal suo partito per decenni sul tema marmo, ma sarebbe bene che iniziasse a informarsi, per evitare altre brutte figure.

Consigliamo la lettura degli accordi del 2003, 2004, 2008 e 2009, che hanno portato l’ente a incassare cifre irrisorie per anni. Forse, quando il segretario del PD parla con leggerezza di accordi sottobanco con gli industriali, lo fa sulla scorta dell’esperienza del suo partito? Non è con le illazioni e con questi puerili tentativi di delegittimare e screditare l’avversario, non è con accuse prive di fondamento che il Pd recupererà credibilità nei confronti dei cittadini. Ci teniamo a rassicurare il neosegretario del Pd: il Movimento 5 Stelle ha promesso che porterà avanti la questione beni estimati in tutte le sedi giudiziali e istituzionali, lo ha già fatto e continuerà a farlo, non arrendendosi certo per una sentenza di primo grado.

Raccomandiamo inoltre a Brizzi la lettura della denuncia del collegio dei revisori del Comune che, già nel 2014, evidenziava la superficialità e l’inadeguatezza della gestione degli incassi del lapideo. La nostra Amministrazione, appena insediata, si è trovata a dover fare i conti con una serie di amenità nei procedimenti di incasso alle quali ha cercato, per quanto possibile, di porre rimedio mentre altre questioni, purtroppo, erano già state oggetto di contenzioso da parte delle aziende.”

Come ha ben sottolineato la Corte Costituzionale, la scelta della vecchia amministrazione di delegare alla Regione la questione dei beni estimati si è rivelata del tutto errata, o meglio incostituzionale.

Su un punto però il Tribunale di Massa e la Corte Costituzionale hanno convenuto, e su cui i partiti di opposizione dovrebbero riflettere: ‘’la plurisecolare inefficienza” delle amministrazioni locali che non hanno fatto nulla per rivendicare efficacemente la proprietà dei beni estimati.

Insomma ad oggi, qualsiasi organo di controllo sia stato chiamato a esprimersi sulla gestione delle cave, ha stroncato senza appello l’operato delle amministrazioni precedenti.

“A Buselli, segretario del Psi, la scusante dell’ignoranza non possiamo concederla, visto che come consigliere comunale è stato tra gli artefici della peggior guida politica della città negli ultimi 15 anni. Nel merito, la loro narrazione svolta a screditarci verso l’opinione pubblica appare piuttosto singolare. La tesi secondo la quale il sindaco, prima consigliere di minoranza, avrebbe affermato dai banchi di opposizione del Consiglio - a loro parere in modo del tutto erroneo - che la questione poteva essere affrontata con una delibera di Consiglio, fa quasi sorridere. La modifica del regolamento degli agri marmiferi, infatti, passa necessariamente attraverso una delibera di consiglio, in quanto competenza, per legge, dello stesso organo collegiale. Ecco, prima di gettare accuse infondate, consigliamo la lettura proprio di una delibera di Consiglio comunale, la numero 37 del 2013, con la quale la allora maggioranza aveva invitato la vecchia amministrazione a predisporre le modifiche del regolamento sulle cave da portare proprio in Consiglio, guarda caso, entro 60 giorni. Quella delibera in consiglio non è mai arrivata.

I problemi da affrontare, quando si parla di marmo, sono ancora tanti e di grande importanza, ma siamo certi che l’amministrazione continuerà il suo lavoro sulla scorta del programma elettorale condiviso con gli elettori, senza poter pretendere, purtroppo, un approccio costruttivo dai banchi dell’opposizione. E’ infatti di tutta evidenza come PD e PSI non abbiano ancora né digerito la sconfitta dello scorso giugno, né superato il clima da campagna elettorale.”


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Ultima modifica Sabato 10 Febbraio 2018 21:28

Accedi

Logo

25.02.2018 - 10:00
Luogo: Inizio passeggiata Porto di Ponente (di fronte a rist. La TUGA)

26.02.2018 - 11:00

Attualmente siamo 710 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange