Carrara 5 Stelle

Martedì 05 Novembre 2013 05:37
Valuta questo articolo
(8 voti)

Tares: 2 milioni di extra gettito, penalizzate pizzerie al taglio, pescherie, ortofrutta e fiorai

Presto i cittadini dovranno fare i conti con i clamorosi rincari dovuti all’ adozione della Tares, la nuova tassa sui rifiuti, adottata dall’ amministrazione comunale che garantirà alla casse del comune un extra gettito di circa 2 milioni di euro. La nuova tassa si caratterizza per un rincaro quasi generalizzato sia per le comuni abitazioni domestiche che per le attività imprenditoriali. Inoltre le nuove tariffe sono state costruite in modo particolarmente penalizzante per alcune attività, quali pizzerie al taglio, pescherie, negozi di ortofrutta e fiorai che si troveranno a pagare oltre 30 euro a metro quadro.

 

A risparmiare saranno invece le banche e gli istituti di credito che vedranno dimezzate le proprie tariffe. Il Consiglio Comunale si dovrà esprimere venerdì 8 novembre per decidere se approvare le nuove disposizioni. Annunciamo fin da adesso il voto contrario del Movimento 5 Stelle. L’amministrazione ha infatti respinto il nostro emendamento che chiedeva riduzioni per le famiglie meno abbienti, modulate secondo l’indicatore ISEE, così come prevedeva la legge. L’amministrazione inoltre, a differenza di quanto sostenuto da alcuni esponenti di maggioranza, avrebbe potuto evitare alla cittadinanza questo nuovo salasso tornando alla Tarsu così come previsto dalla legge n.124/2013, approvata il 28 ottobre. La scelta a questo punto non è affatto obbligata, spetta ora al consiglio comunale decidere.

 

Ed è lì che daremo battaglia. Invitiamo tutti i cittadini a sostenerla. Chiederemo pertanto al consiglio comunale di non approvare le proposte della giunta e di rispedire al mittente l’ennesimo aumento dei carichi per i cittadini, che già lo scorso anno hanno subito una manovra notevole sull’addizionale comunale Irpef che non ha risparmiato i redditi medio-bassi. In caso contrario, si confermerà la tesi per la quale questa amministrazione e i partiti che la sostengono, incapaci di ottenere una gestione proficua del settore lapideo, come dimostrano le ultime sentenze che vedono il comune sempre sconfitto a vantaggio dell’associazione industriali di Massa-Carrara, decidono di far quadrare il bilancio dell’ente gravando sui cittadini e sulle piccole attività, anziché su chi guadagna milioni sfruttando i beni comuni.

 

 

 

Ultima modifica Martedì 05 Novembre 2013 05:47

Accedi

Logo

19.02.2019 - 12:00
Luogo: Comune di Carrara

19.02.2019 - 16:30
Luogo: Comune di Carrara

Attualmente siamo 747 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange