Carrara 5 Stelle

Comunicati stampa
Comunicati stampa

Comunicati stampa (352)

Lavello inquinato, De Pasquale: «Una bomba ecologica a cielo aperto»

I Cinque Stelle di Massa e Carrara hanno incontrato residenti e pescatori. Questione già portata all’attenzione della Regione. Si attiveranno anche i portavoce all’Europarlamento

 

Carrara, 03/04/2017

 

«È una bomba ecologica a cielo aperto». Il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Carrara, Francesco De Pasquale, ha definito così la situazione del torrente Lavello, al confine tra i territori comunali di Massa e Carrara. Una situazione insostenibile per la quale i pentastellati hanno risposto con sopralluogo nella zona della foce. Insieme a De Pasquale anche il portavoce in Consiglio comunale Federico Bonni e la portavoce in Consiglio comunale di Massa Luana Mencarelli che insieme a una decina di attivisti hanno incontrato alcuni residenti che abitano nei pressi del corso d’acqua.

 

Gli abitanti della zona hanno messo in evidenza come spesso nella zona l’aria sia irrespirabile per gli sversamenti di liquami, spazzatura e, probabilmente, sostanze tossiche che nei mesi passati hanno causato anche una moria dei pesci. «Paghiamo la tassa per la bonifica — ha detto una residente a De Pasquale — e abbiamo a che fare con un torrente così inquinato, che alimenta anche il proliferare di topi».

 

La questione Lavello è già stata portata all’attenzione della Regione Toscana alcuni mesi fa. In una mozione il portavoce in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, ha chiesto l’istituzione della “bandiera marrone” per tutte le amministrazioni dei comuni in cui «non è ancora attiva la depurazione — è scritto nell’atto — o nei comuni in cui si verificano gravi malfunzionamenti degli impianti di depurazione, con il conseguente sversamento di sostanze inquinanti in mare o nei fiumi».

 

Nella stessa mozione, i pentastellati hanno puntato il dito contro l’impianto di purificazione: «La causa di tali sversamenti — si legge nel documento — è da imputare al malfunzionamento del nuovo depuratore di Gaia, all’ex-Cersam, inaugurato da pochi mesi e costato circa 8,5 milioni di euro».

 

«I dati parlano chiaro — continua la mozione — nel 2013 per il depuratore Lavello sono state elevate 19 sanzioni. Nel 2014, sono stati effettuati n. 87 controlli analitici degli scarichi ai 4 depuratori e sono state elevate in totale 14 sanzioni, di cui 9 al depuratore Lavello. Nel 2015 le sanzioni al depuratore lavello sono state 8».

 

«Avevamo fatto richiesta alle autorità preposte — ha evidenziato Luana Mencarelli — di conoscere i risultati delle analisi delle acque in entrata e in uscita dal depuratore, ma a oggi non abbiamo ancora ricevuto risposta. Restiamo in attesa».

 

«Per un’azione ancor più incisiva, abbiamo chiesto ai nostri portavoce in Regione e all’Europarlamento di attivarsi» ha evidenziato De Pasquale. E su questo fronte — fanno sapere i pentastellati — ci saranno presto novità.

 

Non solo di inquinamento del Lavello si è parlato, infatti nella zona del “Bozzetto” i Cinque Stelle hanno incontrato alcuni pescatori che hanno segnalato in particolare, oltre ai problemi sollevati dai residenti, anche l’irrisolta questione dell’insabbiamento dell’imboccatura del piccolo specchio d’acqua che di fatto impedisce alle imbarcazioni di raggiungere il mare.

 

«La sabbia che viene dragata dall’ingresso del porto di Marina di Carrara viene riversata nel mare qui di fronte — ha spiegato Mauro Bedini, presidente dell’associazione sportiva “Il Bozzetto” — e l’azione del mare porta tutta questa sabbia verso terra, tappando l’imboccatura».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Via alla campagna elettorale con Nogarin: De Pasquale è pronto a fare il sindaco

Il sindaco di Livorno ha illustrato a Marina di Carrara le opportunità e gli ostruzionismi che attendono un’amministrazione a Cinque Stelle

 

Carrara, 02/04/2017

 

Prima uscita ufficiale di Francesco De Pasquale come candidato sindaco del Movimento 5 Stelle di Carrara. Il pentastellato ha accolto nella sala conferenze dell'Autorità Portuale di Marina di Carrara il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin. In una sala gremita di cittadini, si è svolto un interessante faccia a faccia tra il portavoce carrarese e il primo cittadino, l’unico comune toscano amministrato dal Movimento.

 

«Amministrare una città dopo decenni di dinamiche di spartizione del potere — ha esordito Filippo Nogarin — sarà un’impresa molto complicata, più di quanto si possa immaginare. Per riuscire a passare dallo schema tradizionale, secondo il quale l’appartenenza politica garantisce obiettivi e poltrone, a un modello che abbia come unico obiettivo il conseguimento dei punti di programma, sarà fondamentale procedere a piccoli passi e instaurare innanzitutto con chiarezza e coerenza un rapporto proficuo con la macchina amministrativa, spesso poco reattiva rispetto a quelli che sono i veri obiettivi dei territori».

 

E dopo aver illustrato ai presenti le battaglie che hanno caratterizzato l’amministrazione livornese, soprattutto a difesa della funzione pubblica e dell’efficienza delle partecipate, Nogarin ha concluso con un auspicio. «Il mio augurio non è rivolto tanto al candidato sindaco, ma alla città, affinché sappia comprendere le difficoltà inevitabili che attendono chi si appresta a mettere mano a tutti i disastri fatti in passato. Troppo spesso la politica — ha proseguito — ha costretto i cittadini a subire decisioni prese altrove, a Firenze in particolare, senza nessuna visione strategica e senza nessuna attenzione verso le esigenze dei territori».

 

Situazione senza dubbio ben chiara anche al candidato carrarese. «Se i cittadini vorranno darci fiducia abbiamo coscienza — ha puntualizzato Francesco De Pasquale — di dover partire da una situazione di dissesto. Anzi, di dissesti. Quello di bilancio, dove per l’aleatorietà delle entrate del marmo e per l’incapacità di incassare quanto dovuto non si riesce far fronte alle uscite correnti ed alla pesante situazione di indebitamento. Quello idrogeologico, con la necessità di avviare quanto prima un efficiente piano di messa in sicurezza del territorio. E quello relativo alle opere incompiute, dal Marble Hotel al Mediterraneo, dal Politeama alla Padula, fino al teatro Animosi non ancora completamente restituito alla città, vere ferite nell’animo dei carraresi».

 

Ma non sono certo le inevitabili difficoltà di insediamento a spaventare De Pasquale che, dopo un’interessante scambio di esperienze e approfondimenti su temi sentiti quali rifiuti, acqua, trasporti e sanità, ha chiuso l’incontro con la presentazione del progetto elaborato dall’ingegner Giovanni Vatteroni per il rilancio del porto di Marina di Carrara. «Per avere un porto a cinque stelle — ha concluso il candidato — non è necessario pensare a grandi infrastrutture e a milioni di metri cubi di cemento, ma ottimizzare l’esistente a beneficio delle aziende locali e del territorio, per conseguire in tempi brevi e a costi contenuti la tanto attesa realizzazione del porticciolo turistico, che da sempre abbiamo immaginato all’interno dell’attuale porto commerciale, complessivamente rivisitato e reso più funzionale».

 

Il prossimo appuntamento ufficiale è previsto per venerdì 7 aprile a Carrara, nella sala di rappresentanza del Comune, con la presentazione alla cittadinanza dei ventiquattro candidati al Consiglio comunale e l’illustrazione dei punti salienti del programma amministrativo.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

De Pasquale presenta il secondo assessore e il progetto per un porto a 5 Stelle

Attività produttive, lavori pubblici, pianificazione economia del mare, fondi europei ed innovazione tecnologica: queste le deleghe affidate ad Andrea Raggi in caso di vittoria

 

Carrara, 31/03/2017

 

Una laurea in ingegneria e due master, un’importante esperienza imprenditoriale alle spalle (ha fondato e portato a regime due start-up) e un presente da direttore commerciale per conto di un’azienda svizzera che si occupa di sicurezza sulle navi. È questo il profilo di Andrea Raggi, 44 anni, potenziale assessore presentato alla stampa da Francesco De Pasquale. «La scelta è caduta su Andrea — ha introdotto il candidato sindaco del M5S — non solo per la notevole caratura del suo profilo, ma anche per la sua capacità di ascolto e la sua esperienza in contesti anche internazionali. Con lui e Matteo Martinelli, entrambi attivisti storici del movimento, abbiamo individuato due figure di fiducia ed estremamente competenti, per ricoprire due assessorati molto importanti per il futuro della nostra città».

 

Allo stesso Raggi il compito di illustrare i punti di programma legati alle deleghe ad attività produttive, lavori pubblici, economia del mare e fondi europei. «Il nostro obiettivo sarà quello di rendere Carrara attraente per chi vuole fare attività di impresa, facendo il possibile per snellire la burocrazia — per esempio unificando le banche dati del Comune — e per accogliere le idee di business dei più giovani.  Un’attività che non richiede investimenti, ma soltanto impegno e volontà politica, e per questo immediatamente realizzabile». Tra gli obiettivi da raggiungere a medio termine anche una razionalizzazione delle varie aree del territorio, in funzione delle diverse destinazioni d’uso e l’individuazione di un’area destinata ad accogliere un incubatore di imprese.

 

«La progettualità sarà una componente molto importante del nostro lavoro — ha proseguito l’aspirante assessore — sia con riferimento alla partecipazione ai bandi europei, sia per rendere abituale il ricorso ai concorsi di idee nel settore dei lavori pubblici dove le gare a evidenza pubblica dovranno diventare il modello standard, evitando i frazionamenti che fino ad oggi hanno consentito di ricorrere ad affidamenti diretti».

 

Ma la ciliegina sulla torta, rimanendo in tema di progetti, è stata la presentazione del progetto di riqualificazione del porto, redatto dall’ingegner Giovanni Vatteroni, professionista di Marina di Carrara con una lunghissima esperienza nel settore della cantieristica e della portualità. «L’obiettivo del lavoro — ha introdotto Andrea Raggi — è stato quello di fare del porto una risorsa per tutto il territorio, nel rispetto di un indirizzo politico contrario a ogni ipotesi di ampliamento ma favorevole alla creazione di nuove opportunità occupazionali».

 

«Abbiamo sviluppato l’idea di un porto a cinque stelle — ha introdotto l’ingegner Vatteroni con riferimento alla suddivisione dello scalo in cinque aree funzionali — in una razionalizzazione complessiva che ha tenuto conto della riduzione del traffico commerciale ed immaginato nuove prospettive». La zona a levante sarà infatti riservata al porto commerciale e alla cantieristica, con la creazione di un nuova banchina da destinare ad alaggio e varo e agli allestimenti nautici, attività ad elevatissima ricaduta occupazionale, mentre il molo di ponente ospiterà un porticciolo turistico capace di circa 250 imbarcazioni, il terminal crociere e una zona destinata ad accogliere bar, ristoranti ed attività commerciali, mentre la passeggiata sulla diga foranea che tornerà ad allungarsi fino alla Madonnina.

 

«La città ha bisogno di ripartire — ha concluso il candidato sindaco Francesco De Pasquale — e la scelta migliore è senza dubbio quella di ripartire dall’esistente, con le idee chiare ed il coinvolgimento della cittadinanza, ove occorra, nelle scelte strategiche».

 

Infine, i Cinque Stelle ricordano che il prossimo appuntamento pubblico si svolgerà domani, sabato 1° aprile, quando arriverà in città il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin. L’evento dal titolo “De Pasquale e Nogarin: scelte in Comune” inizierà alle ore 17.00 presso l’Autorità Portuale di Marina di Carrara.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Passeggiata porto, rimosso tetto in amianto. De Pasquale: «Soddisfatti, ma…»

Chiusa per il momento la petizione in cui si chiedeva all’Autorità Portuale di intervenire per bonificare l’area

 

Carrara, 27/03/2017

 

«Con soddisfazione abbiamo constatato che l’Autorità Portuale di Marina di Carrara sta provvedendo in questi giorni a rimuovere la copertura in amianto di un capannone adiacente alla passeggiata sul molo». Il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Francesco De Pasquale, interviene per evidenziare un fatto positivo relativo all’ultimo edificio da bonificare tra quelli prospicienti l’accesso alla passeggiata di ponente frequentatissima da famiglie e bambini.

«Restiamo fiduciosi — prosegue De Pasquale — che questo sia solo l’inizio di una nuova stagione dove a una crescente sensibilità e mobilitazione ambientale dei cittadini, corrisponda una precisa e rapida azione delle autorità preposte e che si proceda velocemente a mappare tutta l’area e bonificare altri eventuali manufatti con amianto, qualora ve ne fossero».

«Ringraziamo di cuore le centinaia di cittadini che hanno aderito alla raccolta firme che abbiamo avviato a inizio marzo per chiedere all’Autorità Portuale di bonificare l’amianto presente nei pressi della passeggiata, e comunichiamo che per il momento questa petizione viene chiusa».

«L’obiettivo del Movimento 5 Stelle — conclude il candidato sindaco — è quello di una città senza amianto. Colgo l’occasione per ricordare che nel 2015 abbiamo presentato una mozione in Consiglio comunale per rimuovere circa 11 chilometri di tubature in amianto dell’acquedotto. Documento approvato all’unanimità, ma purtroppo l’amministrazione dalle parole non è mai passata ai fatti».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

«Battaglia a tutti i livelli istituzionali per recuperare la Marmifera»

Sala di rappresentanza piena per l’evento sul ripristino del tracciato dell’ex-ferrovia.

De Pasquale: «Cultura e turismo le nostre priorità. Cambiamo volto alla città»

 

Carrara, 25/03/2017

 

«Il diritto a sognare non deve togliercelo nessuno». Sono queste le parole con cui si è concluso il partecipato evento sul recupero della Ferrovia Marmifera a fini turistici, organizzato dal Movimento 5 Stelle. Parole pronunciate da Evandro Dell’Amico, figlio del cineasta Bruno (autore del documentario “L’ultima fumata”), intervenuto in chiusura del convegno per complimentarsi con gli organizzatori.

 

“Ferrovia Marmifera: risorsa per il turismo”, questo il titolo dell’evento, ha attirato moltissimi cittadini che hanno riempito la sala di rappresentanza del Comune per ascoltare gli esponenti pentastellati sulle possibilità di rivalorizzazione del tracciato. «L’obiettivo del Movimento — ha detto il candidato sindaco Francesco De Pasquale in apertura — è quello di recuperare il tracciato a fini turistici e culturali. La Marmifera unisce cultura e turismo, due aspetti trascurati dall’amministrazione e che rappresentano una priorità nel nostro programma perché possono costituire una fase di rilancio della città».

 

Poi è stata la volta della portavoce in Senato, Sara Paglini, che ha evidenziato le opportunità che potrebbero arrivare dal disegno di legge 2670, in discussione a Palazzo Madama, dal titolo “Disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico”. «Questo ddl — ha detto la portavoce — sembra fatto su misura per la nostra città. In particolare nell’articolo in cui si parla esplicitamente che le tratte da recuperare, tra le varie caratteristiche, dovrebbero essere stati luoghi di ripresa cinematografica. Uno dei primissimi film a livello mondiale, pluripremiato, è stata la pellicola dei fratelli Lumière, “Train sortant d’un tunnel” del 1897».

 

«Il Movimento 5 Stelle spingerà a tutti i livelli istituzionali, Comune, Regione e Parlamento, affinché la Marmifera torni a Carrara». L’ha sottolineato, invece, il portavoce alla Camera, Diego De Lorenzis, membro della commissione trasporti, a cui è spettato il compito di illustrare nel dettaglio il disegno di legge. «A oggi all’interno dell’atto parlamentare — ha precisato — sono state scritte 18 tratte, e quella di Carrara non è tra queste. Ma è stata introdotta la possibilità per le Regioni di poter segnalare al ministero delle infrastrutture i tracciati da aggiungere».

 

Una storia quella della marmifera che è stata poi riassunta da Pier Paolo Ianni, consulente parlamentare e ricercatore all’Università Cattolica di Milano: «Fondata nel 1876 in un periodo di forte sviluppo, fu dismessa poi nel 1964 per l’avvento del più economico trasporto su gomma» ha specificato. Nel suo intervento Ianni ha poi illustrato come il recupero a fini turistici degli antichi tracciati ferroviari in Europa, dalla Spagna al Regno Unito, abbia portato ai territori grandi benefici economici, naturalistici e ambientali.

 

La parola è poi tornata al candidato sindaco Francesco De Pasquale che ha voluto sottolineare quanto l’intenzione dell’amministrazione comunale sia stata quella di «impedire il ripristino di questa meravigliosa opera». «Cambiamo volto alla città» ha concluso il Cinque Stelle prima della proiezione dell’emozionante documentario di Bruno Dell’Amico sulla marmifera, definito da suo figlio «un atto d’amore per Carrara».

 

Il prossimo evento pubblico del M5S sarà sabato 1° aprile alle 17.00 all’Autorità Portuale, quando arriverà il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin. E come ogni domenica, domani 26 marzo, gli attivisti del Movimento e Francesco De Pasquale saranno a Marina all’inizio della passeggiata del molto di ponente per incontrare i cittadini. Tema del banchetto: l’acqua e la gestione del servizio idrico.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Ecco la lista ufficiale dei candidati alle amministrative

Il Movimento nazionale ha inviato a De Pasquale la certificazione

 

Carrara, 24/03/2017

 

Il Movimento 5 Stelle nazionale ha inviato la certificazione per ufficializzare la candidatura a sindaco di Francesco De Pasquale e quella dei 24 cittadini al Consiglio comunale.

 

«Questa certificazione — commenta il candidato sindaco — significa che i nostri candidati rispondono ai quattro requisiti fondamentali a cui il Movimento 5 Stelle non può derogare per presentarsi con le carte in regola di fronte ai cittadini».

 

In particolare, ecco di seguito i requisiti:

1. i candidati del M5S non devono essere iscritti ad alcun partito o movimento politico e devono essere iscritti al M5S;

2. non devono aver riportato sentenze di condanna in sede penale, anche non definitive;

3. non devono aver svolto in precedenza più di un mandato elettorale;

4. non devono essere stati eletti o candidati in partiti o liste civiche che abbiano concorso contro liste certificate dal Movimento 5 Stelle nazionale.

 

Il percorso di selezione dei candidati, lo ricordiamo, è iniziato lo scorso 24 novembre 2016, quando gli iscritti al Movimento selezionarono i 24 candidati al Consiglio ed è proseguito lo scorso 8 gennaio quando gli iscritti scelsero il candidato sindaco Francesco De Pasquale.

 

Ecco quindi di seguito la lista completa

Candidato sindaco: Francesco De Pasquale, 55 anni.

Candidati al Consiglio (in ordine alfabetico): Franco Barattini, 56 anni; Marco Barilli, 53 anni; Cesare Bassani, 55 anni; Barbara Bertocchi, 44 anni; Lucilla Calzolari, 67 anni; Mario Calzolari, 57 anni; Sara Francesca Cucurnia, 37 anni; Daniele Del Nero, 48 anni; Stefano Dell’Amico, 48 anni; Daniele Ghiotti, 29 anni; Gabriele Guadagni, 31 anni; Tiziana Guerra, 44 anni; Mauro Lancioni, 62 anni; Ivan Lenzoni, 46 anni; Giovanni Montesarchio, 30 anni; Marzia Gemma Paita, 48 anni; Michele Palma, 48 anni; Anna Maria Piombino, 46 anni; Daria Raffo, 44 anni; Daniele Raggi, 46 anni; Francesca Rossi, 44 anni; Giacomo Santini, 49 anni; Elisa Serponi, 33 anni; Nives Spattini, 59 anni.

 

 

 

FRANCESCO DE PASQUALE

 

Francesco è nato a Carrara il 2 febbraio 1962, sposato, un figlio. È insegnante e consigliere comunale del Movimento 5 Stelle dal 2012.

 

Laureato nel 1987 in lettere all’Università di Pisa, ha lavorato prima come impiegato presso la Cassa di Risparmio di Carrara nei settori anagrafe clienti, ispettorato e antiriciclaggio. Poi, dopo il conseguimento dell’abilitazione e un concorso pubblico, dal 1999 ha iniziato il suo percorso da insegnante come docente di lettere prima in scuole della Lunigiana e poi presso la scuola secondaria Carducci-Tenerani di Carrara.

 

Dal 1991 segue costantemente corsi di formazione e di aggiornamento professionale.

 

Una parte importante del suo tempo la dedica al volontariato e all’attivismo. Dal 1984 al 1998 ha svolto l’attività di volontariato presso la parrocchia SS. Giacomo e Cristoforo in qualità di bibliotecario. Dal 1999 al 2012 è stato attivista del Comitato SOS Carrara per contrastare il problema dell’inquinamento da polveri sottili in centro città. Da quest’ultima esperienza ha risposto all’appello del Movimento 5 Stelle per le amministrative 2012, candidandosi e ottenendo l’elezione a consigliere comunale. Attualmente è membro delle commissioni marmo, lavori pubblici, urbanistica ed elettorale del Comune di Carrara, dove si è distinto soprattutto per il lavoro svolto sul regolamento degli agri marmiferi.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

«La Regione inserisca la Marmifera tra le ferrovie da recuperare»

Lettera del portavoce in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, all’assessore ai trasporti della Toscana.

Domani, venerdì ore 17.30 a Carrara iniziativa pubblica sull’utilizzo del tracciato a fini turistici

 

Carrara, 23/03/2017

 

«Gentile assessore, sarebbe utile per tutta la comunità di Carrara e per i cittadini toscani che anche questa ferrovia fosse inserita nell’elenco del disegno di legge (ddl 2670) in discussione al Senato».

 

Il portavoce capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio regionale, Giacomo Giannarelli, ha scritto all’assessore ai trasporti della Toscana, Vincenzo Ceccarelli, chiedendo che la Regione possa intervenire per inserire il tracciato dell’ex-Ferrovia Marmifera nella proposta in discussione a Roma e denominata: “Disposizioni per l’istituzione di ferrovie turistiche mediante il reimpiego di linee in disuso o in corso di dismissione situate in aree di particolare pregio naturalistico o archeologico”.

 

Nella sua lettera, Giannarelli, evidenzia come in un articolo del ddl (2, comma 6) sia riportato un passaggio importante: «Nell’ambito dell’individuazione delle tratte di cui al presente articolo, particolare attenzione è prestata alla presenza di manufatti e immobili di valore culturale e artistico che, ad esempio, siano stati utilizzati come luoghi di ripresa cinematografica». Infatti, sottolinea Giannarelli, «uno dei primissimi film del cinema moderno, “Train sortant d’un tunnel” (1897), dei fratelli Lumière fu girato a Carrara, prorpio sulla Ferrovia Marmifera».

 

Un argomento che sarà oggetto dell’evento organizzato dai pentastellati domani, venerdì 24 marzo alle ore 17.30 presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Carrara, dal titolo: “Ferrovia Marmifera, risorsa per il turismo”. «Il turismo e la cultura del territorio sono sicuramente due degli assi portanti del nostro programma — dice il portavoce in Consiglio comunale e candidato sindaco Francesco De Pasquale — e in questo senso faremo tutto quanto è possibile per restituire alla città il tracciato dell’ex-Ferrovia Marmifera. L’incontro sarà anche un’occasione di approfondimento sui contenuti del Ddl 2670 sul recupero a fini turistici delle linee ferroviarie dismesse».

 

A fare gli onori di casa, assieme a De Pasquale, ci sarà la portvoce in Senato Sara Paglini e Pierpaolo Ianni, consulente al Senato e ricercatore all’Università Cattolica di Milano che relazionerà invece sullo stato dei progetti di ferrovie turistiche in Italia e in Europa. Sarà presente anche il portavoce alla Camera Diego De Lorenzis per approfondire l’iter legislativo e le potenzialità del ddl 2670. E infine sarà proiettato il documentario storico “L’ultima fumata” del cineoperatore Bruno Dell’Amico.

 

«Si tratta di un’occasione di approfondimento molto importante  — conclude De Pasquale — e invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare, per conoscere un altro punto della nostra idea di città».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

De Pasquale: «Nell’inerzia dell’amministrazione i cittadini hanno imparato a fare da soli»

Cultura e turismo tra i punti più caratterizzanti del programma del Movimento 5 Stelle.

Prossima iniziativa pubblica: il recupero a fini turistici dell’ex-Ferrovia Marmifera

 

Carrara, 22/03/2017

 

«In una città povera di iniziative culturali i cittadini si organizzano, e ci fa piacere constatare che si sta programmando una terza edizione del “Cinema Baluardo”». Lo dice il candidato sindaco del Movimento 5 Stelle, Francesco De Pasquale, che accoglie con favore e sostiene l’iniziativa cinematografica che potrebbe tornare nella prossima estate.

 

Potrebbe, il condizionale è d’obbligo, perché per fare in modo che questo progetto vada in porto, è stato aperto dagli organizzatori un “crowdfunding”, una raccolta fondi, per i prossimi due mesi. Il link per poter versare il proprio contributo è il seguente: www.becrowdy.com/cinema-baluardo-2017.

 

«È bello vedere — prosegue De Pasquale — come ci siano cittadini che si organizzano autonomamente, per ottenere dei risultati che un’amministrazione comunale non è stata in grado di raggiungere (o non ha voluto raggiungere?). Tra queste iniziative ci piace ricordare anche quanto organizzato dalla Pro Loco di Avenza col cinema all’aperto. È comunque triste constatare come alla base di queste lodevoli iniziative ci sia sempre purtroppo la continuata e colpevole inerzia dell’amministrazione».

 

«Un comune a Cinque Stelle — aggiunge De Pasquale — punterebbe su una vera programmazione culturale, condizione essenziale per fare una buona promozione delle iniziative da inserire nel calendario degli eventi regionali e riuscendo, per la prima volta, a fare delle brochure informative per tempo, e non a settembre, come ci ha abituato questa amministrazione».

 

«La cultura e il turismo sono due tra i punti più caratterizzanti del Movimento 5 Stelle — conclude De Pasquale — e la prossima iniziativa pubblica riguarderà proprio il recupero a fini turistici del tracciato dell’ex-Ferrovia Marmifera». L’evento si svolgerà venerdì 24 marzo in sala di rappresentanza del Comune di Carrara alle ore 17.30. Saranno presenti, oltre a De Pasquale, anche la portavoce in Senato Sara Paglini, il portavoce alla Camera Diego De Lorenzis, e Pier Paolo Ianni, consulente al Senato e ricercatore dell’Università Cattolica di Milano.

 

Tra le prossime iniziative pubbliche dei pentastellati, oltre quella della marmifera, il 1° aprile arriverà in città anche il sindaco di Livorno, Filippo Nogarin, alle ore 17 all’Autorità Portuale di Marina di Carrara. I dettagli dell’iniziativa, fanno sapere dal M5S, saranno resi noti nei prossimi giorni.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Domenica 19 Marzo 2017 19:37

De Pasquale: «Valorizzare la risorsa marmo»

Pubblicato in Comunicati stampa Scritto da Meetup Carrara

De Pasquale: «Valorizzare la risorsa marmo»

Stoccata all’amministrazione: «Il regolamento che porterà in Consiglio comunale è solo fumo negli occhi. In 5 anni non hanno fatto nulla»

 

Carrara, 19/03/2017

 

Valorizzare nel miglior modo la risorsa marmo per i cittadini, per l’ambiente e per lo sviluppo di Carrara nel rispetto delle regole. È questo in estrema sintesi l’obiettivo del Movimento 5 Stelle e del candidato a sindaco, Francesco De Pasquale, che ha incontrato oggi i cittadini all’inizio della passeggiata del molo di ponente a Marina di Carrara, dove si è tenuto il tradizionale banchetto della domenica dedicato questa settimana proprio al marmo.

 

Una parola “marmo” convertita dai Cinque Stelle in un acronimo, “M.a.r.m.o.”, per valorizzare ancor di più l’importanza di questa materia per la città: “Millenario, Artistico, Raffinato, Maestoso, Ornamentale”.  Una valorizzazione nelle parole ma anche nei fatti: nei pressi del banchetto, infatti, sono stati esposti manufatti e bijoux in marmo. «Non possiamo prescindere dalla lavorazione artigianale e artistica del marmo, che dovrà essere incentivata» ha sottolineato De Pasquale. «Qui oggi abbiamo un esempio di come si possano recuperare e valorizzare davvero anche gli scarti del marmo».

 

Altra questione toccata dal candidato sindaco è stata la tracciabilità dei materiali che scendono dalle cave. «L’identificazione della qualità del blocco diventa fondamentale per applicare una tariffazione in base al valore di mercato — ha evidenziato De Pasquale — e per far questo serve la tracciabilità che questa amministrazione non è stata in grado di implementare, ma è uno mezzo piuttosto semplice con l’utilizzo di codici a barre, registrazioni e geolocalizzazioni».

 

È stata anche l’occasione per parlare del regolamento degli agri marmiferi. Infatti sembrerebbe che il Pd voglia portare la questione in Consiglio comunale. «Non si porta in Consiglio un atto così importante, a un mese dalle elezioni» ha sottolineato De Pasquale. «Hanno avuto cinque anni a disposizione — ha proseguito il portavoce pentastellato — e non hanno fatto nulla, mentre noi abbiamo chiesto le modifiche già in una mozione del dicembre 2012. Quello della maggioranza è solo fumo negli occhi e i cittadini se ne stanno accorgendo, visto che sono sempre di più coloro che ci vogliono al governo di Carrara».

 

«Non sono ancora riusciti a terminare la ricognizione dei beni estimati e devono ancora esaminare i nostri cento emendamenti alla bozza di regolamento presentata dalla maggioranza. Non ci sorprenderemmo — ha concluso — se combineranno altri danni dopo il pasticcio accaduto tra Regione e governo».

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

De Pasquale, incontro al camposcuola con i frequentatori della struttura

Il candidato sindaco ha consegnato una risposta scritta per rispondere alle istanze di questi cittadini.

Nicolai: «Siamo soddisfatti. Il M5S unica speranza di cambiamento per Carrara. Saremo i vostri “gregari”».

 

Carrara, 18/03/2017

 

«Vi ringraziamo per l’interesse che avete dimostrato per il benessere della nostra città e oggi vi consegnamo la risposta scritta del Movimento 5 Stelle alle vostre istanze». Con queste parole il portavoce in Consiglio comunale e candidato a sindaco Francesco De Pasquale ha aperto l’incontro al camposcuola di Marina di Carrara con i cittadini che nei giorni scorsi avevano fatto pervenire al M5S una serie di proposte in venticinque punti per Carrara.

 

De Pasquale, parlando con Andrea Nicolai, Mauro Fantoni e altri quattro cittadini, ha dato una risposta, toccando i punti principali della risposta del M5S che vanno dal problema delle bollette di Gaia al rischio a cui potremmo andare incontro se anche per la raccolta e il trattamento rifiuti «sarà creato l’ennesimo carrozzone che ci porterà — ha evidenziato il portavoce pentastellato — a un servizio più scarso e bollette più alte. La nostra intenzione, come sta già facendo il sindaco di Livorno, è quella di bloccare questo iter che non favorirebbe i cittadini ma le grandi aziende private».

 

Altro punto importante segnalato da questi cittadini riguarda la sicurezza idrogeologica di un territorio martoriato. «Su questo punto — ha sottolineato De Pasquale — il nostro impegno sarà massimo nel verificare che i lavori di messa in sicurezza che stanno effettuando Regione e Consorzio di bonifica, procedano nella maniera giusta. Di certo non ci comporteremo con la superficialità di questa amministrazione comunale e di quelle che ci hanno preceduto».

 

Soddisfatti i cittadini che hanno ascoltato con interesse quanto detto da De Pasquale. «Ringraziamo il Movimento 5 Stelle per questo incontro di oggi» ha detto Nicolai. «Con questi suggerimenti vorremmo essere, usando un termine sportivo, i vostri gregari per farvi vincere la “tappa di Carrara”. Noi vogliamo che questa città finalmente possa cambiare, e il Movimento 5 Stelle oggi rappresenta l’unica opportunità di cambiamento e di rottura con le dinamiche della vecchia politica».

 

Importante il passaggio sullo sport. Infatti una delle richieste a cui questi cittadini, appassionati di sport e frequentatori del camposcuola, tengono di più, riguarda proprio la creazione di una struttura indoor dove poter ospitare sport quali pallamano, boxe, pattinaggio a rotelle e atletica. «Vorremmo organizzare un convegno per parlare di questo progetto — ha detto Fantoni — che potrebbe essere realizzato all’interno dei padiglioni di Carrarafiere. Un progetto con cui potrebbero guadagnarci lo sport, il commercio e tutta Carrara».  «Una proposta davvero interessante — ha risposto De Pasquale — a cui vorremmo portare il nostro contributo».

 

E a proposito di sport, da appassionato di corsa di fondo, De Pasquale si è presentato in tuta e scarpe da ginnastica e, al termine dell’incontro, ne ha approfittato per fare un po’ di allenamento.

 

Il prossimo appuntamento pubblico del Movimento 5 Stelle e di De Pasquale sarà al banchetto di domani, domenica 19 marzo, che si svolgerà, come di consueto a Marina di Carrara all’inizio della passeggiata del molo di ponente. Il tema sarà uno di quelli che stanno più a cuore al M5S: il marmo come risorsa di sviluppo e lavoro e per cui la città oggi ha un gran bisogno di legalità.

 


Movimento 5 Stelle Carrara

 

Pagina 8 di 26

Accedi

Logo

25.04.2019 - 21:15
Luogo: Punto di Incontro M5S Carrara

26.04.2019 - 13:00
Luogo: Grizzly 2.0 Pub Caffe

Attualmente siamo 751 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange