Carrara 5 Stelle

Domenica 15 Luglio 2012 08:41

L'ASL “punta” sempre sulla scelta sbagliata!

Pubblicato in Blog Scritto da Claudio Giacomelli
Valuta questo articolo
(7 voti)

Il Movimento 5 Stelle ritiene che il Pal presentato presso la commissione Sanità sia un piano improponibile. Siamo consapevoli che la spending review provocherà ulteriori peggioramenti nel mondo della sanità e purtroppo conosciamo il dissesto economico finanziario dell'Asl apuana ma siamo anche fermamente convinti che, anche per colpe della politica che non ha vigilato, tutto non può ricadere sul diritto di ogni cittadino ad avere cure e servizi adeguati. La scelta di mantenere l'attività di chirurgia sull'infrastruttura di Carrara, che comunque perderà alcuni reparti importanti tra cui ortopedia, cardiologia e otorino, presenta non poche criticità anche in considerazione del fatto che chirurgia sarà poi destinata al nuovo ospedale, di prossima ultimazione.


Per quanto concerne pediatria si sostiene che il suo spostamento nello stabilimento di Massa risolva i quotidiani spostamenti dei bambini verso l'OPA, problema effettivamente esistente, ma non si tiene conto del fatto se ne crea uno enormemente più grande: spostare la pediatria in un ospedale senza un reparto di chirurgia h.24 crea rischi e disservizi notevolmente maggiori.


Non è chiara l'ubicazione della Pet Tac, un investimento importantissimo che doveva essere realizzato su Carrara e che invece potrebbe essere dirottato su Massa; inoltre non c'è alcun riferimento al ''Hospice'' che dagli accordi precedenti doveva essere insediato su Carrara. La Direttrice generale dell'ASL 1 De Lauretis sostiene che queste scelte non sono solo farina del suo sacco ma anzi provengono da richieste e decisioni dei direttori dei reparti interessati.

 

In realtà a noi sembra che gran parte dei professionisti della sanità della nostra provincia siano rimasti allibiti per tali scelte e pertanto chiediamo un incontro pubblico con la direttrice De Lauretis e i sopraddetti dirigenti. Un altro punto oscuro riteniamo sia quella sul risparmio in quanto non riusciamo a capire, poiché manca ogni approfondimento quantitativo o qualitativo, come e quanto le scelte del PAL possano effettivamente portare ad un risparmio. Non si comprende se aumenteranno i trasferimenti, sia in emergenza che in ordinario, tra i due presidi ospedalieri di costa, se il Pronto Soccorso e la Rianimazione di Carrara dovranno essere potenziati, se ci saranno costi per gli adeguamenti strutturali e i trasferimenti, e soprattutto se aumenteranno i rischi per i cittadini della nostra provincia.
Invitiamo la direzione anche a rispondere a questi quesiti e a dettagliare in modo chiaro in un incontro pubblico i risparmi che a noi sembrano inesistenti.


Da ultimo, ma non per importanza si ritiene necessaria nella zona di costa la presenza di strutture anche per pazienti in stato vegetativo o simili. In conclusione il nuovo Piano attuativo locale proposto dall'azienda si presenta lacunoso, superficiale e privo delle linee programmatiche che dovranno definire lo scenario della sanità locale quando il nuovo ospedale delle apuane entrerà in funzione.

 

Movimento 5 Stelle Carrara.

 

Sabato 14 Luglio 2012 10:28

Piano interprovinciale dei rifiuti

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(4 voti)

Pubblichiamo il comunicato stampa del Coordinamento RIFIUTI ZERO Ato Costa, di cui il MoVimento 5 Stelle Carrara fa parte fin dalla sua nascita, relativo al piano interprovinciale dei rifiuti che - come emerge dalla bozza - si occupa principalmente dello “smaltimento” dei rifiuti, mentre la normativa prevede che lo smaltimento debba essere solo l’ultima delle opzioni possibili di gestione dei rifiuti.

 

Coordinamento RIFIUTI ZERO Ato Costa:

 

I comitati contro inceneritori e discariche e per rifiuti zero delle Province di Massa Carrara, Lucca, Pisa e Livorno respingono con forza l'ultima bozza del Piano Interprovinciale di gestione dei rifiuti dell'ATO Toscana Costa.

 

L'ennesimo tentativo di “maquillage” (siamo già al numero 6) non riesce a mascherare la sostanza del Piano che rimane quella di giustificare con numeri impresentabili la scelta di sottomettere la gestione dei rifiuti urbani, negli anni a venire, alla ingombrante e nociva presenza, a Livorno o dove altro sia, di un enorme impianto di incenerimento, forma di smaltimento dei rifiuti che la normativa comunitaria, nei suoi ultimi aggiornamenti, sta relegando sempre più a tecnologia del secolo passato.

 

Continuano a rimanere ancora impresentabili le già criticate stime di crescita dei rifiuti ( + 1,1 % annuo) a fronte di una generale tendenza alla diminuzione, ormai consolidata da anni, effetto non solo della crisi, ma anche effetto secondario dell'aumento della raccolta differenziata. Nella bozza di piano interprovinciale  manca qualsiasi accenno ad investimenti e ad un piano di comunicazione e di educazione ambientale indispensabili per la prevenzione e la riduzione della produzione dei rifiuti, per migliorarne sia la gestione, che lo smaltimento.

 

Completamente indecente rimane, tal quale a prima nonostante lo sconcerto espresso da più parti, la previsione delle percentuali di raccolta differenziata a cui far riferimento nel conteggio, nei prossimi anni: l'obbligo normativo del raggiungimento del 65 % alla fine del 2012 viene completamente ignorato dando già per scontato che non venga raggiunto, in alcuni casi facendolo slittare fino al 2020 e tacendo sul fatto che tale illegalità verrà pagata da tutti con sanzioni che potrebbero ammontare, alla fine del ciclo, alla incredibile somma di 100 milioni.

 

Odioso è che ci si ricordi del dettato normativo solo in relazione alla limitazione del ricorso alla discariche, quale giustificazione per la realizzazione di impianti di incenerimento, quando invece l'inceneritore non può esistere senza discarica per lo smaltimento delle scorie di combustione, ed ancor più odioso e mistificante risulta per l'esperienza dei comitati delle varie Province che si sono trovati nell'ultimo anno a fronteggiare richieste di autorizzazione di ampliamento delle discariche esistenti e di riattivazione di quelle chiuse da tempo, tutte accettate (Peccioli, Gello di Pontedera, Cascina)

 

Abbiamo visto come negli ultimi anni la Toscana sia stata sorpassata da altre Regioni che erano più indietro nelle percentuali di raccolta differenziata; oggi siamo decimi, ma questo Piano, anziché porre rimedio a questo arretramento, ci porterà presto ad essere un fanalino di coda in Italia.

 

Eppure, proprio nel nostro ATO abbiamo l'esempio della Provincia di Lucca che è ben avviata per il raggiungimento del 65% in tempi brevi: per noi questa non è un' "eccellenza", ma è l'unica provincia che sta rispettando i limiti di legge e che, quindi, sta facendo il proprio dovere. Perché le altre Province della Costa non possono fare altrettanto?

 

Realisticamente possono farlo.

 

Esiste un terzo, realistico scenario di gestione dei rifiuti urbani , rispetto ai due proposti nella bozza di Piano dell'ATO, che è quello volto alle buone pratiche, alla conformità normativa, alla responsabilità ed alla educazione ed a nuove opportunità economiche che non siano sempre quelle della vessazione tariffaria dei cittadini inermi.

 

E' lo scenario di Piano che i nostri comitati vanno realizzando giorno per giorno confrontandosi con gli Amministratori che sappiano ascoltare, incitandoli  verso sistemi di raccolta domiciliare, conoscendo i territori, chiedendo i dati, analizzandoli, cercando sistemi e processi alternativi ai devastanti progetti che vengono di volta in volta proposti, e tutto questo materiale, che stiamo elaborando insieme, costituirà il Piano interprovinciale verso rifiuti zero che vogliamo presto presentare alla cittadinanza tutta  per esprimere la nostra profonda critica in maniera  seria, concreta e costruttiva, come è nostro stile.

 

 

-Coordinamento Rifiuti Zero Ato Costa-Livorno;
-Vertenza Livorno;
-Comitato Aria Pulita Livorno Nord;
-Comitato Rifiuti Zero TMB;
-Comitato Difesa Ambiente;
-Associazione Ecomondo;
-Associazione Reset Livorno;
-Coordinamento Gestione Corretta Rifiuti Valdera
-Comitato Permanente per la Tutela e la Salvaguardia dell'Ambiente e del Territorio di Castelfranco Di Sotto
-Legambiente Valdera
-Comitato Tutela Salute e Ambiente San Donato
-Unione Inquilini Pisa - Sezione Valdarno Inferiore
-Movimento Tutela Ambiente e Territorio Montefoscoli
-Comitato Tutela Ambientale Alta Valdera
-Non Bruciamoci Gello Pontedera
-Associazione Semi Futuri - Cascina
-GAS - Gruppo di Acquisto Solidale - Cascina
-GAS - Gruppo di Acquisto Solidale - Pontedera
-Comitato Non Bruciamoci Pisa
-Rete Ambientale della Versilia (Amici della terra, Associazione per la tutela ambientale della Versilia, Comitato Capezzano Vive, Comitato Dalla parte dei cittadino Forte dei Marmi, Comitato Marco Polo, Comitato Pedona ambiente salute, Comitato Salviamo Viareggio, Co.As.Ver., Italia Nostra, Medicina Democratica Viareggio, Comitato Piano del Quercione, Comitato Pantaneto);
-Coordinamento Rifiuti Zero Ato Costa- Massa Carrara.

 

Venerdì 22 Giugno 2012 18:42

A BERGIOLA Serata a…5 STELLE

Pubblicato in Blog Scritto da Claudio Giacomelli
Valuta questo articolo
(6 voti)

 

Grande successo per l’evento realizzato ieri a Bergiola ed organizzato dal M5S per incontrare la cittadinanza del paese. Nonostante l’improvvisa indisponibilità della saletta della Pubblica Assistenza, i rappresentanti del Movimento 5 Stelle e i tre consiglieri Martinelli, De Pasquale e Bonni, non si sono scoraggiati e nella piazzetta del paese è nato un incontro spontaneo con la gente del posto.

Due giovanissimi residenti Luca e Alessandro, interessati a conoscere qualcosa in più del Movimento 5 Stelle hanno manifestato la loro sorpresa nel vedere qualcuno che si interessava delle loro problematiche, e hanno indicato un disagio avvertito dalla maggior parte di loro che è quello di non avere un luogo di aggregazione dove potersi incontrare e svolgere attività ricreative, (in poche parole ai ragazzi del paese resta solo la strada).

L’assemblea improvvisata intorno ad un Pick Up, pian piano ha incuriosito nuove persone, che si sono avvicinate, dapprima con titubanza non essendo abituate a vedere una delegazione ”politica” al completo che si presenta DOPO le elezioni, infine contenta che qualcuno fosse lì nel paese così lontano dai ”palazzi del potere”.

Da sottolineare che la decisione di non concederci la saletta è stata presa senza alcun preavviso e a titolo personale da un rappresentante di Rifondazione Comunista a dispetto del parere favorevole di altri cittadini ed esponenti della stessa Pubblica Assistenza, tanto da suscitare indignazione da parte di alcuni che ci hanno addirittura proposto un nuovo luogo di riunione per eventuali eventi futuri.

E' emersa in modo evidente la voglia di collaborare, di raccontare iniziative e proposte per Bergiola ma anche per la città di Carrara. Nonostante le promesse e le ripetute ”amnesie” dei vecchi amministratori, tutti hanno ascoltato e con serietà analizzato le proposte del Movimento 5 Stelle, accettando l'idea di riporre fiducia nei confronti delle persone comuni, che non hanno un linguaggio ”politichese”, come i nostri 3 consiglieri, impegnati nel territorio e nelle assemblee comunali senza alcun interesse personale o di ”casta”.

I bergiolesi insomma sembrano aver accettato la sfida e questo è stato il vero successo dell’iniziativa. L'attività del Movimento 5 Stelle continuerà nei paesi a monte, ricordiamo pertanto che il prossimo appuntamento sarà CODENA il 28 giugno alle ore 18.30 nella piazza Rosselli.

Ps. Sarcasticamente il Movimento 5 Stelle ringrazia per la negazione dello spazio alla Pubblica Assistenza di Bergiola , perchè così facendo, chi voleva ostacolare la nostra iniziativa ci ha invece dato un'opportunità migliore… la ”PIAZZA”, luogo ormai dimenticato dalla vecchia politica che troppo spesso si dimentica di chi abitualmente la popola.

Movimento 5 Stelle Carrara

 


 

Sabato 16 Giugno 2012 17:06

CARTONIADI CARRARA

Pubblicato in Blog Scritto da Roberto
Valuta questo articolo
(3 voti)

Prendono il via il 15 Giugno le Cartoniadi, ovvero il campionato della raccolta differenziata di carta e cartone promosso da Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica). La sfida, che ha già coinvolto Milano, Napoli, le Marche e l’Abruzzo, approda anche a Massa e Carrara; le due città come si legge nei cartelloni pubblicitari, sono chiamate a sfidarsi per il titolo di “campione del riciclo”. Il Movimento 5 Stelle di Carrara, sostenitore della strategia Rifiuti Zero, invita la cittadinanza ad essere parte attiva della sfida. Sarebbe necessario che tutta la città “scendesse in campo” operando una raccolta corretta e intelligente; c’è l’opportunità per la nostra città di vincere non solo in senso civico ma anche soldi (30,000 € da  reinvenstire nella raccolta porta a porta), che, in un periodo così difficile, non guasterebbero al Comune/collettività. Si aggiudicherà il premio il Comune che riuscirà a far registrare il maggior incremento percentuale della raccolta di carta, cartone e cartoncino pro capite nel mese di gara, rispetto al 2011.

La finalità delle Cartoniadi combacia con la linea portante del Movimento di “sensibilizzare i cittadini sulle tematiche ambientali, in particolare sulla raccolta  differenziata, e dare loro la possibilità di intervenire con azioni concrete”. È un’occasione per tutti per dare il proprio contributo alla qualità della vita a Carrara. Ricordiamo infine che sono poche e semplici le regole cui attenersi per una corretta raccolta differenziata. Qualora ce ne fosse bisogno, riportiamo, come da sito delle Cartoniadi, le 10 regole d’oro per non incorrere negli errori più comuni che pregiudicano la qualità della raccolta e quindi il buon riciclo:

1. Togliere nastri adesivi, punti metallici e altri materiali non cellulosici (ad es. il sacchetto in cellophane che avvolge le riviste).

2. Appiattire le scatole e comprimere gli scatoloni per ridurre gli imballi grandi.

3. Inserire la carta negli appositi contenitori.

4. Non buttare la carta insieme al sacchetto di plastica usato per trasportarla fino al contenitore.

5. Non mettere nella raccolta differenziata imballaggi con residui di cibo o terra perché contaminano la carta riciclabile.

6. Non conferire nella differenziata i fazzoletti di carta usati.

7. Non buttare gli scontrini con la carta

8. La carta oleata non è riciclabile (es. carta per affettati, formaggi e focacce).

9. Non gettare nella raccolta differenziata la carta sporca di sostanze velenose (es. vernici, solventi, etc.) perché contamina la carta riciclata.

10. Seguire sempre le istruzioni di AMIA per fare correttamente la raccolta differenziata

Buona gara a tutti! Così che alla fine si possa dire “ a sian i mei ”!

 

 

Martedì 08 Maggio 2012 11:59

Finalmente un nuovo orizzonte: GRAZIE A TUTTI!

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(10 voti)

 

All’alba del giorno dopo...vediamo cambiato l’orizzonte!

Finalmente possiamo dire (e senza troppo pudore) che questa città si è aperta alla possibilità di attuare un vero cambiamento finalizzato al bene comune, capace di sostenere la vita delle persone e dare spazio ad ogni cittadino.

Non possiamo che ringraziare tutti coloro che hanno usato il loro voto per dare coraggio e forza al nostro progetto, ma sopratutto (lo ripetiamo!!) al metodo partecipativo che portiamo avanti, ricordando che da ora in avanti avremo sempre, e sempre di più, bisogno di voi.

La partecipazione è l’unica tutela esistente rispetto a piaghe quali l’accentramento di potere e le devianze verso interessi particolari ed è l’unico modo che abbiamo per fare evolvere eventuali istituizioni asservite a tali poteri, verso la loro unica ragione di essere: fornire strumenti e servizi ai cittadini.

Crediamo che il nostro piccolo e disastrato paese possa essere un luminoso esperimento di democrazia diretta che con l’impegno di tutti - statene certi - sarà un successo.

Per partecipare attivamente e non delegare più, usa questi strumenti:

1. MeetupCarrara - "Partecipazione attiva e proposte"

2. Facebook Movimento 5 Stelle Carrara - "Partecipazione attiva e proposte"

3. www.carrara5stelle.it - "Partecipazione attiva e proposte"

Grazie ancora e...vi aspettiamo in consiglio comunale!!

 

PS: Un ultimo ringraziamento sentito anche a tutti gli “avversai politici” che con la loro vasta gamma di bassezze elettorali hanno dimostrato chi fa davvero la differenza!

 

Martedì 08 Maggio 2012 11:54

Partecipazione attiva e proposte

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(0 voti)

Questo è uno spazio a disposizione di tutti noi cittadini per proporre ed elaborare "buone" idee per la nostra città! :)

Usiamolo!

Valuta questo articolo
(1 vote)

Rispondiamo ad un articolo molto critico verso di noi, apparso su Trentadue di marzo/aprile.


Con la stessa franchezza usata nei nostri confronti, ipotizziamo che l’articolo sia stato scritto prima che il nostro programma venisse reso pubblico. Probabilmente nelle stesse ore della pubblicazione del suddetto, il Movimento stava elaborando il suo programma, con l’impegno mantenuto di proteggere il metodo orizzontale e partecipativo, grazie al quale ogni cittadino attivo ha potuto prendere parte allo sviluppo di quello che è diventato il canovaccio di una diversa visione di Carrara per il futuro e al quale però, quasi mai, vediamo presenziare chi poi si prega di giudicarci con slancio.

La critica più dura mossa nei nostri confronti mirava a mettere in evidenza una lacuna da parte nostra in merito alle tematiche di tipo sociale e/o solidale, prendendo come metro di misura la posizione assunta attraverso un articolo sul blog carrara5stelle.it in tema di circo con animali e l’assenza invece, di un commento critico nei confronti di due fatti abominevoli accaduti alcuni giorni dopo.


Ad oggi, possiamo ritenere con serenità il nostro programma in tema di politiche sociali (ora fruibile per tutti a questo indirizzo) una buona dimostrazione di potenziale solidale, soprattutto quale base di ciò che continuerà ad essere la nostra politica in tutti gli anni di permanenza in consiglio comunale. A differenza di tanti infatti, noi non facciamo distinzioni di genere, etnia, nazionalità in nessuna delle politiche che riteniamo doveroso applicare, e ci occupiamo e ci interessiamo davvero dei contesti di debolezza delle persone, lavorando affinché si trasformino attraverso il supporto sociale in condizioni solo temporanee e non siano più ancore permanenti ad una condizione di vita cui rivolgersi con qualche tipo di carità.

 

Detto questo, ed entrando nello specifico di quanto contestatoci, ci teniamo a precisare che il nostro blog produce contenuti spesso derivanti dagli spunti dei cittadini attivi che scrivono e propongono i loro articoli. Ciò significa che di norma non vi è una pianificazione redazionale sugli argomenti e sulle tematiche da trattare.

Nei due casi specifici, nessuno di noi ha sentito il dovere di mescolarsi alla banda di urlatori che si sono accalcati sulle due vicende, chi per incrementare le vendite attraverso titoli shock sugli svegliarini, chi per puntare il dito sul nemico di turno, ma piuttosto di restare nel silenzio dolente di chi sa che quella è solo la punta di un iceberg, l’effetto di tutte quelle denunce di ingiustizia e pericolosità cui continuiamo a dare voce.

A nostro vedere Olga Kogut, suo figlio e Haralai Mungiu sono morti non solo per responsabilità locali di mancate procedure o attenzioni, piuttosto per palesi e drammatiche selezioni ed emarginazioni di questo sistema che ha fatto delle persone “risorse” da usare o scartare.

Noi questo sistema lo attacchiamo ogni giorno attraverso continue iniziative personali e di gruppo che non aspettano certo il dramma del conteggio di una ENNESIMA vittima per sbandierare il loro valore o l’impegno da cui scaturiscono.

Ciò che poi suppone l’articolo come ipotesi svilente, e cioè che per il movimento “varrebbero” più gli animali non umani che quelli umani, resta al palo della forma mentis che non ci appartiene, quella legata agli individui come “risorse” di cui sopra, dalla quale prende spunto e forma ogni sorta di gerarchia. Non ci perdiamo nel pensiero delle scatole non comunicanti, ma al contrario, tutta la storia del Movimento fino ad oggi dimostra che ad animare i cittadini attivi non sono i bisogni personali (o la difesa dei propri interessi particolari) quanto l’intenzione a partecipare per rivendicare interessi comuni e solidali, ma soprattutto che ogni iniziativa nasce a partire da una analisi sistemica della realtà in cui è calata e di cui gli animali non umani (nel tempo presente, loro malgrado, che piaccia o no) sono parte.

Ecco spiegato come dentro e fuori il movimento, le istanze legate alla discussione sull’alterità animale non sono più solo argomento per stabilire quale “modello” di chihuahua si adatta di più al cappellino di quale signora, né argomenti da trattare con superficialità tanto da non avere le basi per comprendere eventuali riferimenti agli interessi di lobby, bensì temi con cui una seria analisi critica del sistema deve confrontarsi.
Senza nessuna ingenuità, né tanto meno vergogna, abbiamo parlato degli animali nei circhi così come parliamo di qualsiasi tema che riteniamo debba partecipare al cambiamento, mentre no, ci dispiace, ma non ci vedrete mai strumentalizzare tragedie annunciate che nel momento del loro compimento scatenano in noi solo cordoglio, lacrime per chi ne ha ancora, e rinnovata determinazione a non mollare mai.

 

 

Pagina 6 di 13

Accedi

Logo

19.02.2019 - 12:00
Luogo: Comune di Carrara

19.02.2019 - 16:30
Luogo: Comune di Carrara

Attualmente siamo 747 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange