Carrara 5 Stelle

Venerdì 03 Ottobre 2014 13:34

Alluvione 2012 a Massa Carrara - Intervento in Senato

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(1 vote)

Pubblichiamo l'intervento in Senato del 30 Settembre 2014 della portavoce del MoVimento 5 Stelle Sara Paglini:



 

 

INTERVENTO A FAVORE DELLE PICCOLE E MEDIE IMPRESE COLPITE DALL'ALLUVIONE DEL NOVEMBRE 2012

 

Nel novembre 2012 un violento nubifragio ha colpito la Regione Toscana ed in particolare alcuni comuni delle Province di Massa-Carrara, Arezzo, Grosseto, Lucca, Pisa, Pistoia e Siena, con precipitazioni superiori alla media, di intensità tale da causare l'esondazione di corsi d'acqua, con conseguenti allagamenti e frane che hanno causato interruzioni nella circolazione stradale, black out elettrici, gravi allagamenti ad abitazioni private, locali commerciali ed aree industriali.

 

Noi tutti ricordiamo le immagini di quei drammatici giorni che sono state trasmesse dalla TV e diffuse sui giornali.

(so di  cosa stiamo parlando in quanto addirittura alcuni dei video che girarono in rete li registrai io, uscendo con le telecamere,  quindi  vidi coi miei occhi il disastro e la disperazione delle persone ).


Noi tutti abbiamo ascoltato con commozione le interviste agli imprenditori, già colpiti dalla crisi economica, a cui, dopo il nubifragio, si aggiungevano i danni causati dalla furia dell'alluvione, che aveva messo in ginocchio intere aree industriali.

 

Alcuni di loro hanno accompagnato i cameraman nelle loro aziende, facendo vedere i danni che avevano subito ai macchinari, alle strutture ed impianti delle loro imprese. Molti imprenditori avevano perso nell'alluvione i sacrifici di decenni di lavoro.


Una volta terminate le piogge ed effettuati gli interventi più urgenti per la messa in sicurezza di argini ed edifici, è iniziata la ricostruzione. E' stato istituito un fondo per la concessione di agevolazioni economiche agli imprenditori ed alle persone che avevano subito danni alle loro attività e alle loro case. Attualmente il termine relativo alla conclusione dei lavori di ripristino delle attività produttive è fissato al 31 DICEMBRE 2014.

 

In seguito ad una serie di contatti ed incontri con i titolari delle imprese coinvolte del territorio di Massa-Carrara e gli uffici degli enti locali competenti sono emerse gravi difficoltà nella capacità delle stesse imprese di poter ultimare gli investimenti necessari nei termini prescritti.

 

Proprio per questo nella seduta del Senato di ieri, in qualità di Portavoce del Movimento 5 Stelle, ho depositato un'interrogazione a risposta scritta per richiedere urgentemente al Governo una proroga dei termini dal 31 DICEMBRE 2014 al 31 DICEMBRE 2015, il tutto per dar respiro a questi piccoli e medi imprenditori, affinchè possano continuare  a lavorare per far ripartire a pieno le loro attività .

 

Giovedì 10 Luglio 2014 07:12

Moby Prince, si apra l'inchiesta: intervento in Senato

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(2 voti)

Pubblichiamo l'intervento in Senato del 9 Luglio 2014 della portavoce del MoVimento 5 Stelle Sara Paglini:



 

 

La Tragedia del Traghetto Moby Prince a Livorno, causò 140 vittime. Ad oggi non esiste un colpevole.

Un punto mai chiarito, a causa dello stretto riserbo da parte delle autorità , è quello dell'eventuale presenza in rada  di navi civili e militari americane o di altre nazioni e delle loro eventuali attività.

 

E’ stato appurato da verbali e dai registri che molte navi  transitavano e sostavano nel Porto di Livorno nella notte dell'incidente, ma esistono alcune zone d'ombra mai chiarite.

 

Alcune ipotesi spingono  per affermare che la tragedia sia da mettere in relazione con traffici illeciti di armamenti militari avvenuti la notte dell'incidente nel Porto di Livorno.

Erano anni politicamente schizofrenici, anni bui,

-1991 strage del Moby Prince,

-1992 strage di Capaci, e strage di via d’Amelio,

- 1993 strage dei Gerogofili,

- 1994 uccisione di Ilaria Alpi che indagava su un traffico d'ARMI E RIFIUTI TOSSICI.

All'epoca la politica era in ginocchio... era il 1994 l’anno in cui un condannato per mafia fondava insieme ad un piduista  condannato per frode fiscale  un partito nuovo che inizio’ da li’ a governare il nostro paese.

 

Come Movimento 5 Stelle il 27 marzo 2014 abbiamo presentato un DDL per la Costituzione di un'inchiesta Bicamerale per far luce su quanto avvenuto il 10 aprile 1991 a Livorno.

Presidente Grasso confido in lei e nella sua volonta’ di dare finalmente risposte politiche credibili.

E mi appello soprattutto al presidente Renzi, le ricordo che per fare certe scelte bisogna avere le mani libere.

Le ricordo che col piduista condannato ci sta facendo accordi per stravolgere la nostra Costituzione!

 

Presidente Renzi, glielo chiedo qua da questa sede istituzionale , non da un articolo di giornale o da un talk show del martedi o del mercoledì sera...

presidente, per dare risposte politiche bisogna aver la forza di dare risposte politiche.

 

Apriamo questa Commissione di Inchiesta!

Non ve lo chiediamo solo noi del M5S, … ve lo chiede l'Italia intera!

 

Mercoledì 26 Marzo 2014 23:20

Adesione al network Decorourbano.org

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(4 voti)

Ci riproviamo. Dopo un anno mezzo riporteremo in discussione l'opportunità di utilizzare il social network Decorourbano.org per permettere la partecipazione attiva di tutti i cittadini di Carrara al decoro urbano della città segnalando in modo immediato le situazioni di abuso, pericolo o degrado. Questa proposta fu bocciata dalla maggioranza, con e per superficialità, che non volle approfondire e capire nel dettaglio la nostra proposta e tutti i vantaggi, gratuiti, che avrebbe portato per gli uffici e i dipendenti comunali e per tutti i cittadini.

 

Fu bocciata per il timore di approvare il terzo contributo consecutivo propositivo apportato dal Movimento 5 Stelle Carrara, dopo l’approvazione delle nostre proposte per avere la diretta dei Consigli Comunali e per installare Wi-Fi gratuito nelle principali piazze comunali. Ora quindi la riproponiamo poiché è uno strumento valido, gratuito e immediato (restando disponibili ad accettare l'adozione di altri strumenti simili) che permette istantaneamente ad ogni possessore di smartphone di segnalare il luogo degradato con tanto di documentazione fotografica agli uffici comunali, di ricevere poi la comunicazione di avvenuta sistemazione e di fornire una traccia delle priorità anche sulla base del numero di segnalazioni ricevute, garantendo ai cittadini la trasparenza dei tempi di risposta alle segnalazioni.

 

Ad oggi invece le segnalazioni che pervengono quotidianamente agli uffici comunali, al comando della Polizia municipale, all'Amia (se riguardanti strade dissestate, lampioni non funzionanti, danneggiamenti, abbandono di immondizia sul territorio e altre segnalazioni di degrado urbano) vengono gestite con modalità obsolete: in parte in modo informatizzato, in parte in forma cartacea e telefonica. Ciò comporta uno spreco di risorse umane e un onere di lavoro manuale non indifferente, di ricezione e smistamento agli uffici di competenza senza poter minimamente garantire efficienza e trasparenza per i cittadini.

 

Assistendo quotidianamente alla guerra tra bande del PD e del PSI per accaparrarsi il merito di una sistemazione di una strada, di un marciapiede o di una fognatura, intendiamo porci, come sempre, in maniera opposta. Crediamo infatti che un consigliere comunale (o un gruppo consiliare) abbia altri oneri oltre al minimo sindacale di segnalare degrado urbano o di ricevere gli appelli e segnalazioni dei cittadini; deve apportare un contributo nel comprendere i problemi e mettere in atto procedure risolutive, anche attraverso l’adozione di strumenti finalizzati ed ottimizzati. Riteniamo soprattutto che debba farlo per tutti i cittadini: a prescindere dalla strada in cui abita, dai luoghi dove ha spudoratamente promesso qualcosa in campagna elettorale e dalle clientele politiche.

 

Lunedì 17 Marzo 2014 22:36

Tavolo di lavoro sui consorzi di bonifica

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(4 voti)
-->

 

Si è svolta sabato 15 marzo, in Sala di Rappresentanza del Comune di Viareggio, la conferenza stampa di presentazione del Ricorso Straordinario al Presidente della Repubblica italiana sulle elezioni dei Consorzi di Bonifica, promosso dall'omonimo Tavolo di Lavoro, comprendente diverse realtà del MoVimento 5 Stelle in Toscana. Relatori Alberto Tarabella, attivista di Massa, Andrea Tolari, attivista di Capannori, Max Bertoni, consigliere comunale di Viareggio, assieme al Deputato Massimo Artini, vice presidente della commissione Difesa. Durante le elezioni del 30 novembre 2013 si sono verificate gravi irregolarità, su cui si è espressa l'avvocatura regionale, dichiarando che è stato fatto un “uso illegittimo del voto multiplo”, con 17 soggetti – sindaci di altrettanti comuni – che hanno potuto esprimere oltre 440 voti, che le elezioni non si sono svolte con il “necessario rigore”, che è stata fatta una “stesura insufficiente dei verbali”, in difformità alla legge regionale 79/2012 che regolamenta le elezioni dei consorzi di bonifica. E ancora, l'errata compilazione delle liste elettorali, contenenti oltre 4000 nominativi di ultracentenari (alcuni addirittura nati nell'800) e oltre 2000 di ultranovantenni, verosimilmente non più in vita.

 

Infine, ciliegina sulla torta, anche alcuni nominativi di persone non ancora nate. Irregolarità che hanno influenzato sicuramente il voto, costato complessivamente 650.000€ alla comunità, già pesantemente alterato dalla scarsissima partecipazione (con un affluenza arrivata appena il 2,7%) frutto di una scarsa informazione. Per tutti questi motivi il MoVimento 5 Stelle ha deciso di ricorrere per far si che fossero annullate le liste elettorali e di conseguenza, invalidate le elezioni, riservandosi la possibilità, in caso di esito positivo, di interessare dei fatti anche la Corte dei Conti, in modo da scaricare sui responsabili il costo sopportato dai cittadini per questa farsa. Il MoVimento 5 Stelle è per la partecipazione dei cittadini. Partecipazione che significa prima di tutto libertà. Abbiamo sperimentato la bellezza dell’impegno di comunità, cosa apparentemente inaccettabile per il sistema. La nostra delusione non è legata all’esito del voto, ma ai comportamenti che minano alla radice la partecipazione e la libertà. Se a monte delle votazioni vengono create le condizioni che impediscono la partecipazione al voto o peggio, rendono inutile il voto espresso, condizionando il risultato è necessario reagire e denunciare, al fine di fare chiarezza.

 

Se impedire il voto è un atto dittatoriale, mantenere formalmente le elezioni ma, di fatto, depotenziarle e renderle inutili ai fini della scelta del candidato esaurisce la democrazia, la svuota dall’interno, la rende un simulacro di se stessa. Ad ogni modo la nostra azione non termina qua. È già iniziato il lavoro su una proposta di legge regionale, da allegare al programma con cui ci presenteremo agli elettori nel 2015, per far si che i Consorzi di Bonifica tornino ad essere un organo puramente tecnico, deputato al controllo ed alla messa in sicurezza del territorio, scevro di qualsiasi ingerenza politica e non più il poltronificio incontrollato ed utile solo alla spartizione di potere, che abbiamo visto fino ad oggi.

 

A riveder le stelle.

 

Tavolo di Lavoro sui Consorzi di Bonifica – Liste del MoVimento 5 Stelle

 

Guarda il video della conferenza stampa

 

Venerdì 07 Marzo 2014 18:01

No al Circo con animali: intervento in Senato

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(2 voti)

Pubblichiamo l'intervento in Senato del 5 Marzo 2014 della portavoce del MoVimento 5 Stelle Sara Paglini:



 

Signor Presidente, colleghi,

oggi vorrei mettere in luce una tematica molto sentita da parte dei cittadini , ma poco trattata , o meglio dire completamente dimenticata da queste aule.....

 

La Dichiarazione universale dei diritti degli animali proclamata il 27 gennaio '78 a Bruxelles, all'articolo 4 afferma:

“ogni animale che appartiene ad una specie selvaggia ha il diritto di vivere libero nel suo ambiente naturale terrestre, aereo o acquatico e ha il diritto di riprodursi; ogni privazione di libertà, anche se a fini educativi, è contraria a questo diritto”,

e all'articolo 10 dice:

“nessun animale deve essere usato per il divertimento dell'uomo; le esibizioni e gli spettacoli che utilizzano degli animali sono incompatibili con la dignità dell’animale stesso”.

 

La linea politica del Movimento 5 Stelle tutela non solo i cittadini inascoltati e non rappresentati da questa politica fallimentare,  ma anche chi non ha voce come ad esempio i nostri amici animali… Questi, fanno parte del pianeta, e come tutte le forme di vita vanno tutelati, nel rispetto della volontà popolare.

 

Alcune città si sono organizzate, come per esempio, Alessandria, Ferrara e pochi giorni fa, Carrara attraverso un lavoro concertato con i cittadini, gli attivisti e i consiglieri del Movimento 5 Stelle. Hanno proposto ed ottenuto dal consiglio comunale l’impegno ad adottare un regolamento in tema di tutela degli animali, che supplisca alle mancanze delle leggi nazionali e di fatto impedisca l’attendamento di spettacoli circensi che appunto utilizzano animali. E' un segnale importante e un passo in più verso la piena applicazione dei principi della Dichiarazione di Bruxelles. Questo per dire… che quando i cittadini vogliono e si impegnano, possono raggiungere obiettivi politici importanti.

 

In Italia manca un testo organico che riesca a decretare la fine di spettacoli dove gli animali sono costretti ad attività contrarie alla propria natura, in totale negazione alle proprie caratteristiche etologiche, o magari obbligati a rimanere in una condizione di prigionia per mero intrattenimento.

Se da un lato dunque, sono in continuo aumento le manifestazioni di contrarietà da parte dei cittadini, il legislatore nazionale e le amministrazioni locali, si sono dimostrate in difficoltà nel dare risposte concrete e definitive. Ad oggi infatti, il parlamento non ha ancora trovato il tempo di adeguare le obsolete leggi che tutelano l’attività circense fondata sull’addestramento coatto di animali esotici e non.

 

Incalzeremo quindi affinché questo parlamento legiferi al più presto sul tema, e rifacendoci da un ANSA di qualche giorno fa che citava che il governo Renzi vanta una sfilza di primati… ci auguriamo pertanto che prenda a cuore il tema e che agisca nell'interesse di tutti gli animali!

 

Inoltre faccio presente che esiste un documento firmato da più di 530 psicologi ed esperiti che afferma:

“Questi contesti, lungi dal permettere ed incentivare la conoscenza per la realtà animale, sono veicolo di una educazione al non rispetto per gli esseri viventi, inducono al disconoscimento dei messaggi di sofferenza, ostacolano lo sviluppo dell’empatia, che è fondamentale momento di formazione e di crescita, in quanto sollecitano una risposta incongrua, divertita e allegra, alla pena, al disagio, all’ingiustizia”.

 

 

Il movimento 5 stelle, come sempre … vigilerà e si farà carico del tema così tanto sentito.

 

Giovedì 21 Novembre 2013 13:47

InCavaTour: il bianco (e il nero) più famoso al mondo

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(8 voti)

 

Sabato 30 Novembre la città di Carrara, il suo marmo e le Alpi Apuane, saranno al centro di una iniziativa di livello nazionale. Arriveranno in città diverse decine di Parlamentari, per una giornata di studio ed approfondimento sulle Alpi Apuane e l’escavazione del famoso Marmo Bianco in cui sono state scolpite le più grandi opere della storia dell’arte. Un evento per focalizzare la situazione dello sfruttamento dei  bacini marmiferi e della scarsa ricaduta economica  ed occupazionale sulla città, per mettere in evidenza l'ecocidio ai danni di un ambiente naturale unico e che è stato definito il più grande disastro ambientale d’Europa, per portare alla luce i problemi di gestione politica che ruota intorno al settore marmo e per squarciare il velo che tende a ricoprire tutto ogni volta che si parla di infiltrazioni mafiose nel settore delle escavazioni.

 

I parlamentari, accompagnati da guide esperte, saliranno sulle montagne che racchiudono la nostra città, per potersi rendere conto con i propri occhi delle straordinarie caratteristiche dei luoghi, della loro fragilità e della eccezionalità dei problemi da affrontare.

 

Invitiamo tutta la cittadinanza a partecipare alla conferenza stampa che si terrà Sabato 30 Novembre alle ore 15:00 presso la Sala di Rappresentanza del Comune di Carrara, alla quale interverranno Federico Bonni, Francesco De Pasquale, Matteo Martinelli (Consiglieri Comunali M5S di Carrara), Sara Paglini (Senatrice M5S), Laura Bottici (Senatrice M5S e Questore del Senato), Paola Taverna (Senatrice M5S e Portavoce del Gruppo parlamentare al Senato), Luigi Gaetti (Senatore M5S e Vice Presidente della Commissione Parlamentare Antimafia).

 

In caso di grande affluenza  allestiremo, problemi tecnico/autorizzativi permettendo, uno schermo all’esterno per consentire a tutta la cittadinanza di seguire la conferenza stampa.

 

E’ ora di inquadrare i problemi che affliggono il nostro territorio nella giusta dimensione, è ora di riprenderci le nostre montagne. Sabato 30 Novembre, ore 15:00 Sala di Rappresentanza del Comune di Carrara.

 

L'evento su Facebook

Sulle pagine del Parlamento nel blog di Grillo

 

 


Domenica 06 Ottobre 2013 21:00

Contro la svendita e la lottizzazione della spiaggia Bene Comune

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(13 voti)

 

Siamo nettamente contrari ad ogni forma di regolamentazione delle concessioni demaniali balneari che preveda la divisione della spiaggia individuando due realtà distinte. Da una parte lo stabilimento che verrebbe venduto al concessionario il quale diverrebbe così di fatto proprietario della struttura con cabine, docce e servizi vari e dall’altra la spiaggia che invece andrebbe a gara d’asta, indovinate a chi? È irregolare ed eticamente riprovevole che lo Stato abdichi ai suoi diritti svendendo porzioni di territorio pregiate e logisticamente non alienabili in quanto unici accessi al mare. L’art. 9 della nostra Costituzione recita: La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica.

 

Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Il governo Letta, in questi giorni, sta studiando un provvedimento per non scontentare la categoria che ha investito nel settore degli stabilimenti balneari. Chi ha investito sapeva benissimo cosa stesse facendo ma non ha tenuto conto delle conseguenze, anche grazie a tutti quegli amministratori che condividevano gli stessi interessi. La spiaggia è di tutti i cittadini, non solo e non di chi ci ha costruito sopra con il beneplacito del dirigente ASL o del Sindaco di turno in barba alla direttiva regionale che si esprime in merito alla removibilità delle strutture stesse…

 

Ci fa vergognare che si faccia carta straccia delle regole a proprio uso e consumo, per ultimo la Regione Toscana che poche settimane fà ha modificato il concetto di facile rimozione cambiandolo da 48 ore a 90 giorni, praticamente certificando che tutti gli stabilimenti sono di facile rimozione, anche quelli con piscine, discoteche e appartamenti.. Siamo in un sistema di diritto, è bene ricordarlo. Chi ha ricevuto una concessione sapeva di intitolarsi una concessione e non di firmare un contratto di acquisto. Questo provvedimento NON DEVE passare. Esiste, ed esisteva un regolamento prevalente, quello del Codice della Navigazione che disciplina la materia e quello dovrebbe essere rispettato. La rinascita dell’Italia passa anche e soprattutto da una giusta ed equa valorizzazione del Bene Comune.

 

Noi vogliamo che TUTTI i cittadini possano avere la possibilità di contribuire alla ricchezza del proprio Paese, non solo pochi privilegiati titolari di rendite di posizione che si tramandano di padre in figlio da sempre. Il MoVimento 5 Stelle sarà sempre contro ogni tipo di sfruttamento iniquo delle risorse del territorio e per una giusta redistribuzione della ricchezza per tutta la Comunità.

 

Gruppi MoVimento 5 Stelle e meetup dei comuni di: Forte dei Marmi, Pietrasanta, Seravezza, Stazzema, Castelfranco Di Sotto, Livorno, Montignoso, Viareggio, Carrara, Ponsacco, Lucca, Capannori, Mediavalle e Garfagnana, Siena, Pisa, Grosseto, Lari-Casciana Terme, Rosignano Marittimo, Tavarnelle Val di Pesa, Empoli, Campi Bisenzio, Signa, Firenze,Massarosa, Camaiore, Prato.

 

 


Pagina 3 di 13

Accedi

Logo

25.04.2019 - 21:15
Luogo: Punto di Incontro M5S Carrara

26.04.2019 - 13:00
Luogo: Grizzly 2.0 Pub Caffe

Attualmente siamo 751 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange