Carrara 5 Stelle

Lunedì 06 Dicembre 2010 15:10

Disastro Cermec: e ora chi paga?

Pubblicato in Blog Scritto da Administrator
Valuta questo articolo
(5 voti)

Disastro Cermec: e ora.. chi paga?

In questi giorni si sta lentamente scoprendo il velo che copriva la fallimentare gestione del Cermec e della controllata ErreErre, con la gentile collaborazione di Delca Spa, socio privato scelto per la costruzione dell’impianto di bricchettaggio costato una dozzina di milioni di euro e che da mesi è nel limbo.

Dai giornali locali infatti apprendiamo le prime osservazioni dei professionisti incaricati di verificare la situazione economico finanziaria delle due società controllate dai Comuni di Massa e di Carrara.
Queste osservazioni evidenzierebbero la gravità dello squilibrio finanziario delle due partecipate pubbliche (che novità!!) e soprattutto che sarebbero state commesse gravissime irregolarità nella gestione amministrativa. In particolare, emergono due aspetti a dir poco inquietanti.

Il primo concerne il fatto che Cermec avrebbe contabilizzato fatture passive per prestazioni di servizi mai effettuate da Delca Spa. Delca Spa avrebbe poi ceduto questi crediti alle banche con il risultato finale che Cermec oggi è debitore verso gli istituti di credito per fatture per servizi che Delca Spa non ha mai effettuato.

Il secondo emerge in seguito alla decisione di capitalizzare i costi di bonifica del terreno.
Tali costi fin dall’anno 2000 sono stati imputati al patrimonio della società anziché concorrere al conto economico dell’esercizio con l’evidente risultato di contenere le perdite o addirittura produrre utili (sui quali si pagano le tasse) e contemporaneamente patrimonializzare la società.
Ma siamo sicuri che il valore corrente del terreno sia oltre dieci milioni di euro?
Non lo siamo, infatti sarebbe emersa la necessità di procedere con una perizia di stima del terreno che dovrebbe essere affidata ad un tecnico estraneo alla politica.

La situazione quindi sarebbe tutt’altro che rosea, ma quello che ci preme è come l’amministrazione intende affrontare il problema oltre che ovviamente chiederci che cosa hanno fatto e cosa faranno gli assessori al bilancio per verificare lo stato di salute delle partecipate del Comune.
In sostanza, si è scoperto un buco finanziario notevole e non possiamo pensare che anche questa volta pantalone sia chiamato a mettere un pezza.

Se i Comuni hanno scelto di gestire i rifiuti attraverso delle società di capitali se ne assumano la responsabilità sino e in fondo e si vada verso la soluzione che la legge riserva alle imprese commerciali in stato di insolvenza: la procedura fallimentare.

Il ricorso al tribunale sembrerebbe ad oggi l’unica soluzione per accertare la correttezza della condotta degli attori protagonisti di questo disastro ed eventualmente costringerli a risarcire i danni causati alla collettività. Non vogliamo fare torto a nessuno, i creditori ed in particolare le banche, che avrebbero solertemente accettato i debiti del Cermec Spa, hanno in mano un terreno che vale milioni su cui soddisfarsi...

Viceversa il ricorso a piani di salvataggio comporterebbe necessariamente la ricapitalizzazione della società e un aumento delle tariffe, tutto questo a spese dei cittadini.

Venerdì 03 Dicembre 2010 15:09

Flash Mob a Massa

Pubblicato in Blog Scritto da Administrator
Valuta questo articolo
(1 vote)

Moratoria subito diritto di voto nel 2011

Moratoria subito!
Stop alla privatizzazione di GAIA fino al Referendum!

Oltre un milione e quattrocentomila donne e uomini di questo Paese hanno firmato i tre quesiti referendari per la ripubblicizzazione dell'acqua.

Anche nella nostra provincia oltre 4000 cittadini hanno apposto la loro firma per una battaglia di civiltà, per la tutela e l'accesso universale ad un bene comune, contro ogni forma di privatizzazione e consegna al mercato di un bene essenziale alla vita.

Per questo, per non tradire la fiducia e le aspettative della popolazione, chiediamo al Governo Italiano la MORATORIA: un provvedimento di legge immediato che posticipi le scadenze previste dalla “legge Ronchi”, di tutte le norme che vanno verso la privatizzazione dei servizi idrici e di quelle che prevedono l'abolizione degli ATO.

Chiediamo, ai Sindaci Pucci e Zubbani e a tutti gli altri sindaci della Provincia, di ascoltare il Popolo dell'Acqua e di bloccare il percorso di privatizzazione di GAIA attualmente in corso.

Evento promosso dal Comitato Promotore Referendum Acqua Pubblica Massa Carrara

4 Dicembre 2010: Giornata di Mobilitazione Nazionale per l'Acqua Pubblica
Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua www.acquabenecomune.org

PARTECIPA AL FLASH MOB il 4 Dicembre a Massa
Istruzioni:
- ore :15:00 (((Passeggiata in Via Dante)))
consegna materiale con istruzioni agli angoli della strada
- ore 15:30 Flash Mob (((Fischio )))
alzare il volantino con la facciata color BLU rivolta verso il duomo e con molta calma avvicinarsi alla scalinata e cercare di unire i volantini
- ore 15:35 (((Fischio))) fine flash mob

Giovedì 02 Dicembre 2010 15:06

Voragine in via Covetta

Pubblicato in Blog Scritto da Administrator
Valuta questo articolo
(2 voti)

Voragine in via Covetta

Una vera e propria voragine si è aperta intorno alle 14,30 di ieri, nella carreggiata lato mare di via Covetta, nel tratto fra il campo sportivo e il distributore.

Sembra che oltre alle responsabilità dei ritardi nella manutenzione della rete fognaria, ci sia una carenza di monitoraggio dell'amministrazione comunale, sembra che sia stata affrontata con superficialità la problematica della rete fognaria. Così via Covetta sarà chiusa in parte, e anche via dei Corsi è chiusa per lavori.

Intanto i cittadini si chiedono se le voragini interesseranno l'intero territorio e se oltre alle buche sulla strada ci troveremo con le pezze al sedere.
La mancanza di manutenzione dei fiumi , del sottobosco, il consumo del territorio, la mancata manutenzione della rete fognaria può solo creare il dissesto idrogeologico. Aziende partecipate con milioni di euro di debiti, mancanza di soldi per i servizi essenziali e per gli interventi di manutenzione.

E se fosse passata una ragazzina con la bicicletta, nel momento della voragine ?

Da oggi oltre a schivare camion occhio a dove mettete i piedi!

Mercoledì 01 Dicembre 2010 15:02

Attivàti

Pubblicato in Blog Scritto da Administrator
Valuta questo articolo
(1 vote)

Oggi anche Carrara ha un luogo per costruire un MoVimento 5 Stelle, espressione locale del MoVimento 5 Stelle Nazionale lanciato da Beppe Grillo e proseguimento del lavoro del MeetUp Carrara, gruppo nato spontaneamente sul territorio come bacheca di semplice raccolta del malcontento per la cattiva gestione della cosa pubblica e diventato, con il tempo, centro di studio, analisi di documenti scientifici, e di elaborazione e divulgazione di proposte concrete alternative. Proprio queste proposte alternative venute da persone comuni, da cittadini attivi per cambiare lo status quo, sono alla base del programma politico del MoVimento 5 Stelle Carrara.

Di fronte ad un'intera classe politica sempre più autoreferenziale, sempre più casta, impegnata ad occupare poltrone e distante dai problemi reali delle persone comuni, è necessaria una presa di coscienza e di posizione chiara. E' necessario che la cittadinanza si riavvicini alla politica per controllarla e si proponga per amministrarla direttamente con nuove forme di partecipazione rese possibili dalla rete, quello strumento di democrazia tanto formidabile quanto temuto dalla casta.

Ognuno conta Uno.
Grazie all'impegno di tutti si persegue il bene della collettività. Tutti ci ritroviamo uniti nella convinzione che non vi sarà cambiamento se ciascuno non prenderà l'azione politica nelle sue mani, e allora partiamo dal Comune di Carrara:

i Comuni decidono della vita quotidiana di ognuno di noi. Possono avvelenarci con un inceneritore o avviare la raccolta differenziata. 
Fare parchi per i bambini o porti per gli speculatori. Costruire parcheggi o asili. 
Privatizzare l’acqua o mantenerla sotto il loro controllo. Dai Comuni si deve ripartire a fare politica.

Se credi nell'azione all'interno delle istituzioni, in prima persona, senza rappresentanti, partecipa al Movimento 5 Stelle Carrara.

Il MoVimento 5 Stelle non è un partito politico né si intende che lo diventi in futuro. Esso vuole essere testimone della possibilità di realizzare un efficiente ed efficace scambio di opinioni e confronto democratico al di fuori di legami associativi e partitici e senza la mediazione di organismi direttivi o rappresentativi, riconoscendo alla totalità degli utenti della Rete il ruolo di governo ed indirizzo normalmente attribuito a pochi.

Partecipa inviando un articolo su un tema che ti sta a cuore, commenta gli articoli, partecipa ai volantinaggi, agli incontri settimanali del Meetup, diffondi il programma nazionale e le tematiche del movimento, contribuisci a creare il programma politico locale, c’è bisogno di te.

Attivàti!

Venerdì 19 Novembre 2010 15:05

Stiamo arrivando!

Pubblicato in Blog Scritto da Administrator
Valuta questo articolo
(1 vote)

Pagina 13 di 13

Accedi

Logo

19.02.2019 - 12:00
Luogo: Comune di Carrara

19.02.2019 - 16:30
Luogo: Comune di Carrara

Attualmente siamo 747 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange