Carrara 5 Stelle

Sabato 22 Ottobre 2011 08:46

Informazioni sul patrocinio a "MONDO CACCIA"

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(7 voti)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo la seguente lettera aperta rivolta alla amministrazione comunale di Carrara del gruppo Carrara Aspecista:

 

Informazioni sul patrocinio del Comune di CARRARA all'evento "MONDO CACCIA EXPO".

 

 

Gentili Signori,

 

In merito all'imminente evento fieristico "MONDO CACCIA" che si terrà a Marina di Carrara a fine novembre ed al quale il Comune di Carrara, la Provincia di Massa Carrara e la Regione Toscana hanno concesso il loro patrocinio, noi cittadini intendiamo porre alcune domande:

 

1. con quale criterio è stato deciso di legare il prestigioso nome della nostra città ad un simile contesto?

 

2. quali e quante risorse economiche sono state destinate ed usate per tale occasione?

 

In attesa di una Vostra solerte risposta che inoltreremo a tutti i nostri simpatizzanti, porgiamo i nostri cordiali saluti.

 

Carrara Aspecista.

 

Martedì 27 Settembre 2011 18:30

da SOS Carrara: Stesso problema soluzioni diverse

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(9 voti)

Riceviamo e volentieri pubblichiamo il seguente comunicato del comitato SOS Carrara:

 

Stesso problema soluzioni diverse.


È di questi giorni l’ordinanza del sindaco di Fosdinovo (Massimo Dadà) che vieta il transito dei camion del marmo che provengono dalle cave del Sagro, cave di proprietà del Comune di Fivizzano, sulla provinciale 72 nei centri abitati di Fosdinovo, Tendola e Caniparola.

 

 

La motivazione è la pubblica incolumità e la sicurezza urbana nei centri abitati, ma anche il fatto che ‘non è possibile che la collettività paghi un prezzo così alto, sia in termini di sicurezza che di risorse economiche perché quando si dovranno risistemare le strade dissestate dal passaggio continuo dei mezzi pesanti, occorreranno centinaia di migliaia di euro’. Attenzione, si parla di un problema causato dal transito di una settantina di camion giornalieri, cifra di gran lunga assai inferiore a quella dei camion che scorrazzano per il centro urbano della nostra città!

 

Ci torna in mente la puntata della trasmissione televisiva ‘Report’, in cui si evidenziava come a Reggio Emilia, per aprire una cava di rena, la pubblica amministrazione poneva come vincolo la manutenzione della strada a carico del concessionario di cava: un altro mondo al di là dell’Appennino!

 

Ma torniamo a Fosdinovo. Prima di arrivare sulla provinciale 72 gli stessi camion del marmo che passano sul territorio comunale di Fosdinovo, transitano sulla strada comunale di Campocecina, strada di proprietà del comune di Carrara. Entra così in ballo un altro sindaco, tal Angelo Zubbani, che, a quanto pare, non la pensa come il suo omologo lunigianese: la strada di Campocecina è anche lei disastrata dai camion del marmo e quindi cos’ha fatto il nostro sindaco qualche giorno fa?

 

Ha vietato su quella stessa strada il transito alle moto e alle biciclette, e non ai camion!!!

Pazzesco!

 

Carrara, 26/09/2011                             COMITATO S.O.S. CARRARA

 

Domenica 18 Settembre 2011 22:17

Giornalino a 5 stelle: scarica e diffondi il numero 1!

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(12 voti)

E' arrivato il numero 1 del giornalino di carrara5stelle.it!

 

Il giornalino è una newsletter contenente una selezione dei post pubblicati sul blog di carrara5stelle.it, con l'aggiunta di uno o due articoli pubblicati da blog ad ambito nazionale o lettere di comitati locali e ritenuti di particolare interesse per la nostra comunità. Se avete scritto o volete scrivere un articolo o inviarci una lettera su un tema che vi sta a cuore vi invitiamo a contattarci, così come se volete segnalarci un post su un blog esterno che ritenete possa essere interessante da aggiungere alla prossima della newsletter.

 

 

 

Siamo convinti che, per informarci sui fatti che ci circondano, avere a disposizione internet, sia di grande aiuto se non adirittura indispensabile. L'idea che sta dietro al giornalino è quella di voler portare, nel nostro piccolo, fuori dalla rete un po di questa informazione, in modo che anche chi non usa internet possa, sia pur in minima parte, accedervi. Questi file sono fatti per poter essere stampati (la versione A4 anche su una piccola stampante) a colori o in bianco e nero, consigliamo se possibile di stampare in fronte/retro e di usare carta riciclata. E' possibile scaricarlo e stamparlo per lasciarne una copia al bar, o farla leggere ad un amico o parente. La raccomandazione è di non gettarlo quando avete finito di leggerlo, ma di passarlo a qualcun altro.

 

 

Se hai un bar o un locale aperto al pubblico e vuoi tenere un paio di copie del giornalino per i tuoi clienti,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. . Te le faremo avere gratuitamente in formato A3 ripiegato, stampato tipograficamente a colori.


 

Scarica e diffondi il Numero 1 in formato A4, file PDF (365kb)

 

Giovedì 15 Settembre 2011 18:59

Il gruppo di Carrara al COZZA-DAY a Roma

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(8 voti)

Si è svolto sabato 10 settembre 2011 a Roma, il Cozza day di Beppe Grillo per il quale sono partiti in circa una cinquantina da Carrara.

 

 

Il gruppo di persone che ha aderito al pullman organizzato dai membri del MoVimento 5 Stelle di Carrara ha raggiunto il primo ritrovo davanti al Colosseo dove è stato eseguito il primo Flash mob nel quale il gruppo si è disposto a formare una "V", simbolo del Vaffanculo day, manifestazione che si è svolta 4 anni fa dove sono state raccolte 350.000 firme per la proposta di legge popolare parlamento pulito la quale con i suoi 3 punti fermi vuole eliminare i condannati dal parlamento, la politica di professione e ripristinare la preferenza del candidato nelle elezioni elettorali.

 

Eseguite foto e filmati il gruppo si è disposto in una lunga fila indiana dove ha raggiunto Circo Massimo dove era stato previsto il secondo Flash Mob. Qualche coro di protesta contro la casta politica e via verso piazza Navona dove Grillo e il suo staff avevano già allestito il presidio. Alle ore 15 la comparsa del comico Genovese sull'improvvisato palco dove ha raccomandato ai partecipanti di non recare intralcio al traffico nel portare la propria cozza in piazza Montecitorio. La cozza per i partecipanti all'evento simboleggia la casta politica italiana che ormai da decenni occupa, attaccata come cozze agli scogli, la sede del parlamento che ormai è diventata una piazza affari della politica.

 

 

 

Martedì 26 Luglio 2011 11:49

Guerra tra bande al Cermec

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(25 voti)

Il Cermec, l’impianto di trattamento dei rifiuti di Massa – Carrara, sembra essere il terreno di scontro di una guerra tra bande.
Attorno al Cermec per vent’anni hanno mangiato tutti, maggioranze ed opposizioni in rispettive quote-parte. La greppia del Cermec ha sfamato a lungo i bulimici appetiti dei partiti ed in tempi di abbondanza, quando ciascuno aveva la sua fetta, la convivenza era serena. Adesso che da mangiare non c’è più nulla, visto che si sono divorati anche i piatti, il tavolino e persino il pavimento, ci si contende le briciole rimaste attorno al buco e soprattutto ci si azzuffa per evitare di restare con il cerino in mano.

Tranne rarissimi casi di circostanziate proteste, nessuno si è opposto al progetto di creare la Erre Erre da una costola del debito di Cermec. L’apertura di una nuova mangiatoia è stata salutata con brindisi bi-partizan. Li abbiamo visti votare all’unisono, soldatini di partiti di destra, di centro e di sinistra a ranghi compatti nei Consigli Comunali di Carrara e di Massa a dire SI all’impianto di bricchettaggio dei rifiuti. Li abbiamo sentiti con le nostre orecchie, i consiglieri benpensanti chiederci stupiti “ma cosa avete da protestare? Ma questi impianti di bricchettaggio non puzzano mica!” Li abbiamo sentiti con le nostre orecchie sindaci diversamente verdi, lanciarsi in un piccato amarcord  “non accetto lezioni di ambientalismo da voi: io ho fatto la battaglia della Farmoplant!”, chiuso in bellezza da un “…e comunque le bricchette non verranno bruciate nella nostra provincia”. Ambientalismo d’annata.

E poiché la partecipazione in politica è importante, pur di partecipare al banchetto evidentemente non hanno neppure perso troppo tempo a domandarsi chi era seduto al tavolo con loro, l’importante era partecipare. Partecipare e magari riuscire ad avere una posizione di vantaggio e se per averla occorre scegliere il socio privato di un affare da decine di milioni di euro con trattativa privata anziché con asta pubblica, poco male.

Gli stessi partiti, soldatino più soldatino meno, sono adesso in prima fila a piangere come prefiche ad un funerale siciliano, a battersi il petto e chiedere a gran voce che sia fatta chiarezza ed a rassicurare sulla mancanza di pericoli per l’ambiente! Peccato che ormai non sono più credibili.  Adesso tra i cittadini iniziano a circolare domande tipo “ma con che personaggi ci hanno messo in affari questi uomini di partito?”

Que se vayan todos! È stato il grido delle donne argentine all’indomani del crack del loro paese. Se ne devono andare via tutti, perché tutti sono responsabili, controllati e controllori, partiti di maggioranza e partiti all’opposizione, tutti hanno avuto il loro bravo tornaconto e nessuno si è opposto allo scempio dei beni della comunità, incluso quello della salute.

 

 

Lunedì 25 Luglio 2011 17:27

Nuovo Pignone, Vecchi Problemi?

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(8 voti)

Alleghiamo il protocollo d'Intesa tra la Nuova Pignone e le Istituzioni locali.
Premettiamo che la prudenza nella valutazione delle carte è d'obbligo e che siamo in possesso solo del sopracitato protocollo e delle informazioni presenti negli organi di stampa,
leggendo, sembrerebbe che la rete gas servi solo per Testare i prodotti finiti, come sta già accadendo nell'Impianto di Massa.

In attesa di chiarimenti dalle istituzioni e di ricevere altra documentazione da studiare, pubblichiamo il comunicato stampa delle associazioni e una video intervista a Italia Nostra Apuo Lunense:

 

COMUNICATO STAMPA

 

Da oltre un anno i Sindaci di Carrara e Massa, con enfasi, magnificano  la costruzione di un  nuovo impianto della Nuovo Pignone in Viale Zaccagna in un’area peraltro con una destinazione urbanistica diversa (area retro portuale). Essi hanno sottolineato più volte come tale impianto comporterà da 500 a 600 nuove assunzioni. Ovviamente però, in nessun documento ufficiale risulta questa cifra, tanto è vero che, nel Protocollo sottoscritto coi Comuni, la Provincia e la Regione (pubblicato il 13 aprile scorso nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana a pag. 126) l'impegno della Nuovo Pignone è esplicitato nella frase seguente:

"Nuovo Pignone S.p.A., nell’attuazione del progetto di sviluppo del piano industriale nell’area di Massa e Carrara, si impegna a fare quanto possibile per utilizzare ovvero promuovere presso i propri fornitori il ricorso, nella misura massima possibile, a manodopera locale che soddisfi tutti i necessari requisiti di idoneità professionale, competitività e produttività"

Francamente ci sembra un po’ poco come garanzia e nessuno (neanche un bambino) comprerebbe un’auto usata da chi prende impegni così nebulosi e indefiniti. A prescindere da ciò, forte impatto ambientale – e quindi sanitario - che un simile impianto potrà avere sapendo che potrebbe bruciare fino a 50.000 metri cubi all'ora di metano (!?!). Si deve sapere che stabilimenti come questi, per raffreddare gli impianti, devono utilizzare tantissima acqua e la falda acquifera dell'ex zona industriale non è stata ancora bonificata. Tutti i veleni che si trovano ancora nella falda potrebbero essere trascinati ed immessi in atmosfera sotto forma di vapore, arrecando danni alla salute della popolazione e all'ambiente circostante insieme alla massiccia dose di  inquinanti derivanti dalla combustione del metano in termini di centinaia di ton/annue di  ossido di carbonio (CO) e di ossido di azoto (NO) e decine di ton/annue di polveri sottili.

Anche se parliamo di metano (considerato uno dei combustibili meno “sporchi”) , vista la “maxi-taglia” dell’impianto si tratta di ingenti valori che peggioreranno ulteriormente la qualità dell’aria di una Provincia che già oggi tristemente detiene il record regionale (come da recenti articoli) per alcune patologie tumorali. Considerata l’importanza sociale, economica ed ambientale per il territorio di questa operazione industriale riteniamo estremamente doveroso che il Sindaco di Carrara sollecitamente spieghi alla cittadinanza, attraverso un’assemblea pubblica, tutti i dettagli della questione.

 

Comunicato Associazioni, Movimenti e alcuni partiti

Sabato 16 Luglio 2011 12:22

Porto: fare meglio con meno

Pubblicato in Blog Scritto da Meetup Carrara
Valuta questo articolo
(9 voti)

Riportiamo l'intervista a Dariella Piolanti dell'associazione ''Amare Marina'' e il testo della petizione delle associazioni Amare Marina, Italia Nostra (Sezioni Apuo-Lunense e Massa-Montignoso), Legambiente (Circoli di Carrara e di Massa) e Agepark:

In riferimento alle diverse delibere approvate dai due Comuni circa la costruzione del Porto Turistico alla Foce del fosso Lavello e l’ampliamento del Porto commerciale di Marina di Carrara;

  • considerato che tali opere esporrebbero il territorio ad un elevato rischio idraulico e idrogeologico,
  • accentuerebbero l’erosione costiera nel comune di Massa e probabilmente fin verso la Versilia,
  • congestionerebbero con il traffico indotto il sistema viario già oggi insufficiente,
  • interesserebbero (Porto Turistico) aree oggi destinate alla fruizione turistica balneare oltre che provocare un’ulteriore inquinamento delle acque destinate alla balneazione,
  • indurrebbero nella fascia costiera antistante e circostante una massiccia cementificazione (strutture turistico - ricettive, negozi, abitazioni, servizi alla nautica, ecc.),
  • sottrarrebbero alla fruizione dei cittadini l’ultimo affaccio al mare libero da edificazioni (Viale da Verrazzano) che potrebbe costituire, una volta riqualificato (passeggiata a mare con area verde ed esplanade), un’area di grande valenza turistico – ricreativa - ambientale per l’intera cittadinanza ;
  • visto il successo del Progetto partecipativo “Porto le mie idee”, finanziato dalla Regione Toscana ,che sostanzialmente ha formulato proposte in linea con quanto sopra esposto,

Le suddette Associazioni propongono ai cittadini di firmare una petizione ai Sindaci delle due città per chiedere le seguenti cose :

  • di riconsiderare l’ubicazione del Porto Turistico, spostandola dalla Foce del Lavello all’interno del Porto commerciale razionalizzandone gli spazi
  • di procedere con il recupero paesaggistico ambientale, finalizzato alla fruizione pubblica, della parte di Viale da Verrazzano posta tra le foci del Carrione e del Lavello
  • di non approvare alcun atto o strumento urbanistico che preveda l'ampliamento del Porto commerciale all'esterno dell’area attualmente occupata ovvero nessuna ulteriore banchina od opera a mare
  • di realizzare sollecitamente, come da impegni ripetutamente presi dal Comune di Carrara, la passeggiata a mare sull’intero molo di ponente


Meno è Più!



Pagina 9 di 13

Accedi

Logo

25.04.2019 - 21:15
Luogo: Punto di Incontro M5S Carrara

26.04.2019 - 13:00
Luogo: Piazza Alberica

Attualmente siamo 751 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange