Carrara 5 Stelle

MOZIONE

Data: 31/03/2015


IL CONSIGLIO COMUNALE

 

PREMESSO CHE

- Il 28 luglio 2010 a New York l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che riconosce l’accesso all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari tra i Diritti Fondamentali dell’Essere Umano e per questo considerati Universali. Dopo circa 15 anni di dibattiti, su 163 paesi presenti all’Assemblea, 122 hanno votato a favore (Italia compresa), 41 si sono astenuti, ma nessuno ha votato contro.

- La Commissione e il Contratto Mondiale per l’Acqua indicano in circa 50 litri la quantità minima giornaliera per soddisfare i bisogni essenziali di un essere umano, necessari per favorire i servizi igienico-sanitari di base, ancora preclusi ad oltre 2,5 miliardi di persone nel mondo.

 

CONSIDERATO CHE

- L’acqua potabile è un bene comune:

° indispensabile per la sopravvivenza dell’uomo;

° presente in natura in quantità limitata e con concentrazioni territoriali disomogenee, dunque prezioso;

° entrato a far parte ufficialmente della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo;

- La carenza idrica è un fenomeno preoccupante che si presenta con sempre maggiore frequenza e che riguarda almeno l’11% della popolazione europea e il 17 % del territorio dell’UE.

- In Europa, nonostante la media si attesti intorno agli 85 mc. annui, circa due milioni di persone non hanno accesso all’acqua potabile e ai servizi igienicosanitari. A questo si aggiunge la minaccia dell’interruzione del servizio per migliaia di persone a basso reddito che non sono in grado di far fronte ai costi della fornitura idrica.

- Sono stati rilevati casi, anche nel nostro Comune, in cui la gestione dell'acqua da parte di SpA ha portato a episodi di interruzione della fornitura di acqua potabile ad alcuni propri utenti giustificando il fatto con il principio “niente soldi, niente acqua”, evidenziando tra l'altro l’amoralità, l’ingiustizia sociale e la pericolosa spirale che il profitto della risorsa può ingenerare a danno dei diritti umani sanciti dall’ONU.

 

VISTO CHE

- In Italia un cittadino su tre non ha accesso regolare e sufficiente all’acqua potabile.

- Sono 8 milioni i cittadini italiani che non ne hanno accesso e 18 milioni quelli che bevono acqua depurata, mentre il 15% della popolazione totale ogni estate è sotto la soglia minima del fabbisogno idrico (fonte Dossier Acqua 2010 di Solidarietà e cooperazione Cipsi), che si attesta intorno ai 50 litri giornalieri procapite (diritto di acqua avallato dall’ONU).

- E’ stata formulata una legge di iniziativa popolare concernente i principi per la tutela, il governo e la gestione pubblica delle acque che, all’art. 9 comma 3, prevede il diritto umano non revocabile e nemmeno sospendibile di vedersi garantito un quantitativo minimo vitale gratuito pari a 50 litri giornalieri per persona, ripartendo la mancata fatturazione sui consumi che i cittadini evidenzieranno dalla contabilizzazione volumetrica individuale della risorsa posta a valle di ciascuna utenza.

- GAIA SpA cura l’approvvigionamento, il trattamento, la distribuzione, il trasporto e la vendita dell’acqua nel comune di Carrara che è uno dei suoi maggiori azionisti.

 

PRESO ATTO CHE

- Per tutte le suddette ragioni l’acqua potabile, almeno per il quantitativo necessario alla sopravvivenza, non può essere considerata una merce assoggettabile a logiche di libero mercato, come una qualsiasi altra merce, e pertanto deve essere necessariamente gestita fuori dalle regole di profitto.

- La mancata fatturazione per la gratuità dei primi 50 litri di acqua potabile può essere facilmente ripartita, col criterio della progressività, diluendola sulle eccedenze erogate.

- La tariffa deve perseguire il principio comunitario “chi inquina paga”, principio evocato altresì dal Presidente per l’Autorità per l’Energia Elettrica e per il Gas, Guido Bortoni, nella Conferenza Nazionale dei servizi Idrici tenutasi a Milano il dicembre 2012.

 

IMPEGNA IL SINDACO E LA GIUNTA COMUNALE

A intraprendere, entro 3 mesi dall’approvazione, ogni iniziativa di propria competenza affinché GAIA SpA adotti una politica tariffaria che consenta ad ogni cittadino residente la gratuità giornaliera dei primi 50 litri di acqua potabile, senza nessun costo od onere aggiuntivo, per solo uso domestico, necessari per garantire i bisogni essenziali, tra i quali i servizi igienico-sanitari, ed il pieno godimento dei diritti umani sanciti dall’ONU.

A riferire in consiglio comunale circa le azioni intraprese ed i risultati ottenuti.


Presenti n. 18 - Votanti n. 18
Voti Favorevoli n. 18 (unanimità)

Logo

25.04.2019 - 21:15
Luogo: Punto di Incontro M5S Carrara

26.04.2019 - 13:00
Luogo: Grizzly 2.0 Pub Caffe

Attualmente siamo 751 iscritti

Carrara 5 Stelle nel Web

Meetup Carrara

 

 

Canale YouTube

 

Campagne

 

 

Woodstock 5 Stelle

 

Free Assange